Google, 110 milioni di perdite per un’opzione troppo ambiziosa

Il tasto “mi sento fortunato” causa perdite milionarie a Google. Il motivo? L’oscuramento di pubblicità e altri dati


Volete sapere come infliggere a Google una pena milionaria? Basta cliccare sul tasto giusto. Secondo il titolare di una società, che si occupa di determinare il valore aggiunto indotto dalla pubblicità immobiliare sui siti web, l’opzione “Mi sento fortunato” (“I’m feeling lucky” nella versione anglofona) dell’omonimo tasto, collocato sotto la barra del noto motore di ricerca, provocherebbe danni economici stimati intorno a 110 milioni di dollari all’anno. La perdita deriverebbe dal fatto che, cliccando il tasto in questione, l’utente sarebbe indirizzato immediatamente al primo sito della lista verso la quale sarebbe destinata la sua ricerca. Questa operazione, se pur funzionale al risparmio di tempo, non permette però di visualizzare risultati alternativi ed eventuali spot pubblicitari, causando ingenti perdite economiche ai diretti interessati. Gli stessi Larry Page e Sergej Brin ammettono che il tasto “Mi sento fortunato”, nato nel 1998 in seguito ad una scelta di mercato piuttosto ambiziosa, oltre ad arrecare danni particolarmente onerosi alla società californiana, non è poi così diffuso e utilizzato. Sarebbero addirittura loro i primi a non sfruttare questo vantaggio. Ma gli svantaggi economici discussi sembra che possano rimanere in qualche modo giustificati da quella che è stata dichiarata la filosofia aziendale della società di Mountain View: secondo la signora Mayer, vicepresidente di Google, la valenza sociale del bottone della maschera di ricerca è nettamente superiore alle perdite accusate. Un modo come un altro per suggerire che la società sceglie di non apparire troppo concentrata sul profitto e, al contrario, preferisce sottolineare l’ampio interesse anche per altri settori. Ne è esempio il portale google.org, l’anima verde e sociale di Google. (Marco Menoncello per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Google, 110 milioni di perdite per un’opzione troppo ambiziosa

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL