Google li fotografa, gli spiati insorgono

Lanciato la scorsa settimana in 5 metropoli statunitensi, il nuovo servizio di Google, “Street View”, sta accendendo grosse polemiche. Specie da parte dei movimenti in tutela della privacy


La rivista “Wired” ha già lanciato un concorso che premia le istantanee più belle, più curiose, più osè. La fonte? Il nuovo servizio fornito da Google: dopo “Google Earth”, infatti, è stato lanciato la scorsa settimana il nuovo “Street View”, attivo solo in cinque metropoli statunitensi (New York, Los Angeles, Denver, Miami, San Francisco), che fotografa, con precisione e nitidezza imbarazzanti, ogni singolo punto (pubblico!) della città, andando a scovare ed a mettere in luce tutti i comportamenti più strampalati della popolazione metropolitana. Questo nuovo servizio, gratuito su Google, ha acceso un grande vespaio di polemiche tra gli abitanti di queste città e tra le associazioni per la difesa della privacy, contrastate, altresì, dai legali del grande portale del web, i quali sbandierano la legge, tutta americana, che consente di fotografare qualsiasi persona in un qualunque luogo pubblico, purchè non all’interno delle abitazioni. In Europa si tratterebbe di violazione della privacy, oltreoceano no. Perciò “Street View” pare essere perfettamente legale e, anzi, i suoi promotori ne esaltano i vantaggi (non solo in termini “gossippari”), ad esempio, per i turisti, i quali possono, ora, fare un accurato sopralluogo del luogo da visitare prima di avventurarvisi, con immagini nitidissime e per niente “pixelose”. Come altrettanto nitide sono le immagini che hanno partecipato (a poco più di una settimana dalla nascita del servizio) al concorso di “Wired”, tra orinate nelle aiuole newyorchesi e perizomi in bella mostra nelle auto di San Francisco. Vincerà il più osè, se le associazioni a tutela della privacy non riusciranno ad impedirne la premiazione. (Giuseppe Colucci per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Google li fotografa, gli spiati insorgono

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL