Google va al risparmio con le tasse

Scoperta da un giornalista di Bloomberg la tecnica, tutta legale, di Google per pagare meno tasse. Secondo Bloomberg con quest’ultima il motore di ricerca più utilizzato al mondo avrebbe risparmiato circa 3 miliardi di dollari in 3 anni, pagando una tassazione al 2,4%.

Le tattiche antipressione fiscale utilizzate portano il nome di Double Irish e Dutch Sandwich. La strategia è semplice: i pagamenti derivanti dalla vendita di spazi pubblicitari in Europa, Medio Oriente e Africa vengono inviati direttamente alla sede irlandese di Dublino. Tuttavia qui non restano in quanto l’aliquota prevista è pari al 12,5%. Quindi Google dirotta i profitti sulla Google Netherlands Holdings, società olandese priva di impiegati che invia il 98% del capitale ricevuto alle isole Bermuda, paradiso fiscale non più rientrante nella grey list redatta dell’ Ocse ( Organizsation for economics co-operation and development). Questa politica di “risparmio” sta attirando già da tempo l’attenzione della stampa suscitando obiezioni di natura etica da più fronti. In particolare ai quotidiani inglesi che hanno lamentato una scarsa correttezza nel trasferimento di capitali guadagnati nel Regno Unito ad altri paesi, il colosso di Mountain View ha risposto semplicemente sottolineando come il loro comportamento non differisca dall’operato di altre società, e inoltre contribuisca sia a livello di tassazione locale e nazionale, sia a livello di occupazione. Da ultimo è stato osservato che non solo Google ma anche Facebook e Microsoft hanno adottato strategie simili. (M.C. per NL)
printfriendly pdf button - Google va al risparmio con le tasse