Il 60% degli italiani non utilizza Internet

Gli italiani e internet, un rapporto ‘difficile’, anche se la confidenza con web nel Bel Paese si diffonde sempre di piu’


ADUC.it

L’uso delle nuove tecnologie nelle famiglie italiane infatti e’ passata dal 35,6% al 38,8% in un solo anno, sebbene nel 2007 il 60% dei cittadini con piu’ di 3 anni abbia dichiarato che non utilizzare ‘mai’ internet.
Le famiglie italiane si collocano cosi’ al di sotto della media europea (54%) per il possesso di un accesso alla rete da casa. I dati sull’accesso alle nuove tecnologie dei ragazzi italiani emergono dalla ricerca realizzata dal centro studi dell’Associazione italiana editori e presentata a Roma, nel corso della prima giornata di lavori degli Stati generali dell’editoria 2008, dedicati a ‘Piu’ cultura, piu’ lettura, piu’ paese. Scommettere sui giovani’.
Nonostante i nostri ragazzi leggano molto meno dei loro coetanei europei e siano i maggiori utilizzatori delle nuove tecnologie in Italia, non pensano che l’uso di internet escluda la ‘tecnologia’ libro nei processi di apprendimento.
A questo proposito, il 67,8% dei ragazzi tra i 13 e i 19 anni e il 64,1% dei genitori si dichiara infatti ‘poco o per niente d’accordo’ rispetto all’affermazione che ‘il libro di testo puo’ essere sostituito da internet’.
All’importanza attribuita dai ragazzi e dalle loro famiglie alle biblioteche scolastiche (assenti in Italia) e ai laboratori, 57,7% considera molto o moltissimo importante avere una migliore o maggiore dotazione informatica e il 54,8% avere una biblioteca scolastica, fa da contraltare il taglio complessivo del 15,5% delle risorse messe a disposizione delle biblioteche per l’acquisto dei libri (da 59,4 milioni nel 2000 a 50,2 milioni di euro nel 2007). Tutto questo porta a una frequentazione pari al 13,6% da parte degli studenti e del 2% da parte dei docenti delle poche biblioteche scolastiche mentre il 61% dei ragazzi non si reca mai o va di tanto in tanto nei laboratori della scuola. Dati che, conclude lo studio, si ripercuotono direttamente sulla preparazione e sulle competenze degli studenti italiani: il punteggio medio nella scala delle competenze scientifiche colloca infatti la scuola italiana (con 475 punti) sotto la media dei paesi Ocse (500) e in coda a paesi come la Finlandia (527), la Germania (516), la Francia (495) e la Spagna (488).

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Il 60% degli italiani non utilizza Internet

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL