Il Milleproroghe è legge: confermata soppressione provvidenze a radio e tv locali. Ora speranza è nuovo provvedimento legislativo che ripristini in tutto o in parte contributi perduti

Il Senato ha approvato in via definitiva il decreto Milleproroghe, che quindi diventa legge.

Dopo un sofferto confronto parlamentare, nel decreto è confluito lo slittamento al 2011 della riforma sui contributi all’editoria, ma allo stesso tempo è stata confermata la soppressione delle provvidenze (a decorrere dal 2009) a radio e tv locali. Per il resto, la legge di conversione garantisce contributi pari al 100% degli importi del 2008 e reintroduce il cosiddetto "diritto soggettivo" per giornali di partito, cooperative giornalistiche, testate no profit e culturali.
 
Questo il testo del DDL n. 1955-B, recante conversione in legge con modificazioni del DL 30/12/2009 n. 194, come trasmessa dalla Camera al Senato il 24/02/2010 e confermato in data odierna.
 
Art. 10-sexies. – (Differimento dell’applicazione di disposizioni in materia di contributi all’editoria). – 1. Nelle more della riforma organica del settore dell’editoria e in attuazione dell’articolo 44 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, si applicano le seguenti disposizioni:
a) per i contributi relativi all’anno 2009 di cui ai commi 2, 2-bis, 2-ter limitatamente alle minoranze linguistiche, 2-quater, 3 e 10 dell’articolo 3 e all’articolo 4 della legge 7 agosto 1990, n. 250, e successive modificazioni, al comma 4 dell’articolo 153 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, e al comma 5 dell’articolo 28 della legge 25 febbraio 1987, n. 67, ai soggetti aventi diritto non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 2, comma 62, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, ed è corrisposto, in presenza dei requisiti di legge, un contributo pari al 100 per cento dell’importo calcolato secondo i parametri stabiliti dalla legislazione vigente. Tale importo non può comunque essere superiore a quello spettante per l’anno 2008;
b) ai soggetti di cui all’articolo 1 della legge 7 agosto 1990, n. 230, e all’articolo 20, comma 3-ter, del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, e successive modificazioni, per i contributi relativi all’anno 2009 non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 2, comma 62, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, ed è corrisposto, in presenza dei requisiti di legge, un contributo pari al 100 per cento dell’importo calcolato secondo i parametri stabiliti dalla legislazione vigente. Tale importo non può comunque essere superiore a quello spettante per l’anno 2008;
c) all’articolo 10, comma 1, del decreto-legge 1º ottobre 2007, n. 159, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 novembre 2007, n. 222, e successive modificazioni, le parole: “2007 e 2008“ sono sostituite dalle seguenti: “2007, 2008 e 2009“. All’articolo 39, comma 2, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, le parole: “all’annualità 2008“ sono sostituite dalle seguenti: “fino all’annualità 2009“. All’articolo 1, comma 574, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, le parole: “aumentare su base annua di una percentuale superiore a quella del tasso programmato di inflazione per l’anno di riferimento dei contributi“ sono sostituite dalle seguenti: “essere superiori a quelli ammessi al calcolo dei contributi per l’anno 2008“;
d) per i contributi relativi all’anno 2009, previsti dall’articolo 3, comma 2-ter, della legge 7 agosto 1990, n. 250, e successive modificazioni, limitatamente ai quotidiani italiani editi e diffusi all’estero, dall’articolo 26 della legge 5 agosto 1981, n. 416, e successive modificazioni, nonché dagli articoli 137 e 138 del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni, si applica una riduzione del 50 per cento del contributo complessivo calcolato per ciascun soggetto;
e) per i contributi relativi agli anni a decorrere dal 2009 non si applicano l’articolo 3, comma 2, della legge 7 marzo 2001, n. 62, nonché gli articoli 4, comma 3, e 8 della legge 7 agosto 1990, n. 250, e successive modificazioni, e l’articolo 11 della legge 25 febbraio 1987, n. 67, e successive modificazioni. Sono fatti salvi i rimborsi telefonici erogati dal Ministero dello sviluppo economico. Per i contributi relativi agli anni a decorrere dal 2009 ai soggetti di cui agli articoli 11 della citata legge n. 67 del 1987, e successive modificazioni, 23 della legge 6 agosto 1990, n. 223, e successive modificazioni, e 8 della citata legge n. 250 del 1990, e successive modificazioni, sono riconosciuti esclusivamente i contributi erogati dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi dell’articolo 10 del decreto-legge 27 agosto 1993, n. 323, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 ottobre 1993, n. 422.
2. In attuazione delle disposizioni di cui al comma 1 e fermi restando gli stanziamenti previsti per le provvidenze all’editoria come determinati dalla Tabella C allegata alla legge 23 dicembre 2009, n. 191, un importo non inferiore a 50 milioni di euro per l’anno 2010 è destinato al rimborso delle agevolazioni tariffarie postali del settore dell’editoria. A tal fine, il citato importo di 50 milioni di euro per l’anno 2010 è immediatamente accantonato e reso indisponibile fino all’utilizzo per la predetta finalità.
3. All’articolo 2, comma 61, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “o vengano editate da altre società comunque costituite“.
4. Ai sensi dell’articolo 17, comma 12, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri provvede al monitoraggio delle spese relative alle provvidenze per l’editoria di cui al presente articolo e riferisce in merito, entro il 30 giugno, al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’economia e delle finanze. Nel caso si verifichino o siano in procinto di verificarsi scostamenti rispetto alle previsioni dello stanziamento di bilancio stabilito a legislazione vigente, tenuto conto anche di quanto previsto dal presente articolo, il Presidente del Consiglio dei Ministri provvede, con proprio decreto, nell’esercizio della propria autonomia contabile e di bilancio, alla riduzione, nella misura necessaria alla copertura finanziaria del maggior onere risultante dall’attività di monitoraggio, delle dotazioni finanziarie di parte corrente, nell’ambito delle spese rimodulabili, iscritte nell’ambito del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
printfriendly pdf button - Il Milleproroghe è legge: confermata soppressione provvidenze a radio e tv locali. Ora speranza è nuovo provvedimento legislativo che ripristini in tutto o in parte contributi perduti
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Il Milleproroghe è legge: confermata soppressione provvidenze a radio e tv locali. Ora speranza è nuovo provvedimento legislativo che ripristini in tutto o in parte contributi perduti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL