Intercettazioni, Panorama e Prodi. FNSI: “Ddl incompatibile col diritto dei giornalisti di informare i cittadini”

La Federazione Nazionale Stampa Italiana si schiera, ma una riforma è urgente: basta con le pubblicazioni di intercettazioni per finalità meramente politiche. La misura è colma


Roma, 30 agosto 2008. «La pubblicazione su ‘Panorama’ di intercettazioni riguardanti Romano Prodi, non cambia in nulla la sostanza delle questioni collegate al disegno di legge Alfano. Nessuno pensi, al governo o in parlamento, di sfruttare la vicenda per accelerare l’approvazione di un ddl che la Fnsi continua a giudicare incompatibile con il diritto-dovere dei giornalisti di informare e con il diritto dei cittadini a conoscere fatti di rilevanza pubblica». Lo afferma la Federazione Nazionale della Stampa. «Abbiamo chiesto alla Commissione Giustizia della Camera un profondo ripensamento sui punti-cardine del testo -spiega l’Fnsi- confermiamo di essere disponibili a discutere dell’eventuale miglioramento delle norme già esistenti a tutela della riservatezza, ma non potremmo accettare in alcun modo la secretazione per anni delle inchieste giudiziarie che l’attuale versione del ddl Alfano produrrebbe». «Vogliamo sperare che alla ripresa dell’attività parlamentare aggiunge l’Fnsi- le forze politiche sappiano affrontare il tema con senso di responsabilità. Altrimenti i giornalisti italiani continueranno a far sentire, con tutti i mezzi a disposizione, che sul tema del diritto a conoscere c’è una gran parte dei cittadini italiani indisponibile -conclude- ad accettare bavagli all’informazione». (Adnkronos)

printfriendly pdf button - Intercettazioni, Panorama e Prodi. FNSI: “Ddl incompatibile col diritto dei giornalisti di informare i cittadini"