Home Radio e TV Ip tv. YouTube sui competitor: “non copiamo, abbiamo nostra identità”

Ip tv. YouTube sui competitor: “non copiamo, abbiamo nostra identità”

SHARE

Lo scorso aprile YouTube ha lanciato (per ora solamente negli Stati Uniti) YouTube TV, una piattaforma a pagamento in abbonamento mensile che, oltre a consentire la visione dei video condivisi dagli utenti senza inserzioni pubblicitarie (YouTube Red), offre i contenuti di circa 40 canali tv, puntando soprattutto a notiziari (ABC, CBS), sport e talk show.
Dopo il lancio, l’obiettivo è quello di differenziare il prodotto dai maggiori competitor, cioè Netflix, Apple e – a breve – anche Facebook che si appresta a lanciare Watch. Sul punto è intervenuto Robert Kyncl (in foto), chief business officier di YouTube, che nel programma televisivo dedicato alla tecnologia Squawkalley di CNBC, ha respinto le illazioni provocatorie sullaRK YT - Ip tv. YouTube sui competitor: “non copiamo, abbiamo nostra identità” somiglianza di YouTube tv alle altre internet tv in circolazione: “Non mi sembra che stiamo cercando di copiare Netflix; siamo noi stessi – ha detto Kyncl – padroneggiamo la nostra identità di piattaforma open e il nostro nuovo servizio in abbonamento ha l’obiettivo di offrire più scelta e contenuti agli utenti e utenza più qualificata ai creatori di contenuto. Ciò che stiamo facendo è legare a YouTube quelle persone che sono cresciute e diventate popolari all’interno della piattaforma, affinché producano programmi di alto livello assieme a noi e con il nostro investimento in denaro e promozione”.
È innegabile però che i competitors si stiano contendendo i contenuti con maggiore attrattiva sull’utenza, come è accaduto con il format “Carpool Karaoke”, nato su YouTube e ora acquistato da Apple. In merito, Kyncl rassicura: la serie originale di James Corden rimane disponibile su YouTube, che ne detiene i diritti di distribuzione.
Neppure gli investimenti di Facebook e Netflix in serie originali sembrano destare preoccupazione in Kyncl, saldo nella convinzione che il sistema di ricompensa attraverso i guadagni derivanti dall’advertising sia la formula vincente perché i creatori di contenuti continuino a tenere viva YouTube con programmi di qualità sempre maggiore. (V.D. per NL)