La certezza del diritto (ovvero l’incertezza del rovescio)

L’ordinamento giuridico italiano è un equilibrio tra legificazione e delegificazione. Noi italiani siamo tra i maggiori legiferatori del mondo, ma, avendo istituzionalizzato il compromesso – caposaldo su cui fondiamo la Repubblica – siamo costretti a legificare, cioè legiferare prendendo atto dell’esistente.

Salvo poi procedere ad una progressiva delegificazione, attraverso quel principio (costituzionalizzato) per cui la disciplina di alcune materie non sottoposte a riserva di legge assoluta è spostata dalla fonte legislativa primaria a quella secondaria. Processo che spesso porta ad un’aberrazione normativa, come nel caso della disciplina delle trasmissioni radiotelevisive in tecnica digitale: basta leggere l’art. 5 dei principi generali della L. 112/2004 e confrontarlo con i più recenti atti amministrativi di 3° livello in tema di rottamazione frequenziale per rendersene conto. Con buona pace della certezza del diritto, cioè quel principio in base al quale il diritto deve ricevere una applicazione prevedibile.
printfriendly pdf button - La certezza del diritto (ovvero l’incertezza del rovescio)