La crisi dell’Unità preoccupa fortemente il Sindacato dei giornalisti: “Ognuno si assuma le proprie responsabilità, anche l’editore che pochi mesi fa aveva assunto impegni”

“Il Sindacato dei giornalisti segue con preoccupazione e con impegno la vicenda de L’Unità ed è al fianco dei colleghi costretti nuovamente allo sciopero. Il sostanziale disimpegno aziendale rispetto ai progetti solo alcuni mesi fa presentati, è un dato su cui misurarsi per impedire che di nuovo si scarichino sulla redazione, inclusi i colleghi precari, scelte aziendali che riportano questo glorioso quotidiano a storie ed a pagine purtroppo già lette e già viste.Unit%C3%A0 - La crisi dell'Unità preoccupa fortemente il Sindacato dei giornalisti: "Ognuno si assuma le proprie responsabilità, anche l'editore che pochi mesi fa aveva assunto impegni"
L’Unità è stato, ed è, un grande giornale di radicamento sociale, culturale e politico che nell’ultimo decennio ha visto fare enormi sacrifici ai propri redattori per mantenere nel panorama editoriale del nostro Paese un importante tassello del pluralismo dell’informazione e per la sopravvivenza di una gloriosa testata fondata da Antonio Gramsci.
Ora la situazione è tornata drammatica e per questo motivo ognuno, editore compreso, deve fare la sua parte. Il rilancio del quotidiano dovrà avvenire nel rispetto e con la cooperazione ed il contributo fondamentale delle parti sociali. Nessuno dovrà svegliarsi una mattina a cose fatte.
Il sindacato dei giornalisti non si sottrarrà alle sue responsabilità così come dovrà fare chi ha la responsabilità della gestione editoriale de L’Unità”.
printfriendly pdf button - La crisi dell'Unità preoccupa fortemente il Sindacato dei giornalisti: "Ognuno si assuma le proprie responsabilità, anche l'editore che pochi mesi fa aveva assunto impegni"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - La crisi dell'Unità preoccupa fortemente il Sindacato dei giornalisti: "Ognuno si assuma le proprie responsabilità, anche l'editore che pochi mesi fa aveva assunto impegni"

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO