La deliberazione di Benevento sui rischi da esposizione ai CEM

La Commissione Internazionale per la Sicurezza ElettroMagnetica (ICEMS)(1) ha tenuto dal 22 al 24 Febbraio 2006 a Benevento una conferenza internazionale dal titolo “Approccio precauzionale ai campi elettromagnetici”


da Gevam

La deliberazione di Benevento sui rischi da esposizione ai CEM
Fonte: Coordinamento Comitati Roma Nord, http://www.comiromanord.it
La Commissione Internazionale per la Sicurezza ElettroMagnetica (ICEMS)(1) ha tenuto dal 22 al 24 Febbraio 2006 a Benevento una conferenza internazionale dal titolo “Approccio precauzionale ai campi elettromagnetici: Razionale, Legislazione e Applicazione”.
L’incontro è stato dedicato a W. Ross Adey (1922- 2004).
I ricercatori intervenuti alla conferenza(2) hanno approvato, ampliando la Risoluzione di Catania del 2002, il documento che segue:
1. Ulteriori evidenze accumulate suggeriscono che, ai livelli attuali di esposizione, vi sono effetti avversi alla salute derivanti dalle esposizioni della popolazione e delle lavoratrici e dei lavoratori ai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, o CEM(3). E’ necessaria, poiché non ancora realizzata, un’ampia, indipendente e trasparente disamina delle evidenze di questo potenziale problema emergente di salute pubblica.
2. Le risorse disponibili per accertare tale realtà sono fortemente inadeguate, malgrado l’esplosiva crescita delle tecnologie relative alle comunicazioni “senza fili” e gli enormi continui investimenti nella costruzione di linee elettriche.
3. Vi è evidenza che le attuali fonti di finanziamento influenzano l’analisi e l’interpretazione dei risultati della ricerca nella direzione di rifiutare l’evidenza dei possibili rischi per la salute pubblica.
4. La tesi che i campi elettromagnetici di bassa intensità non possono avere effetti sui sistemi biologici non rispecchia l’attuale spettro di opinioni scientifiche.
5. Sulla base della revisione da noi effettuata degli studi scientifici, appare che effetti biologici possono essere dovuti all’esposizione sia ai campi elettromagnetici di bassa frequenza (ELF) sia quelli in radiofrequenza (RF). Evidenze sperimentali epidemiologiche, in vivo e in vitro dimostrano che l’esposizione a specifici campi elettromagnetici a bassa frequenza (ELF) può aumentare il rischio di cancro nei bambini ed indurre altri problemi di salute sia nei bambini che negli adulti. Inoltre è stata accumulata evidenza epidemiologica che indica un aumentato rischio di tumori al cervello per uso prolungato di telefoni mobili, i primi campi a radiofrequenza che si è iniziato a studiare in modo esaustivo. Non si possono ignorare studi epidemiologici e di laboratorio che dimostrano un aumentato rischio di cancro ed altre malattie nelle esposizioni professionali. Studi di laboratorio sul cancro ed altre malattie hanno rivelato che la ipersensibilità ai campi elettromagnetici può essere dovuta in parte a predisposizioni genetiche.
6. Noi incoraggiamo i Governi ad adottare linee guida per la esposizione della popolazione e delle lavoratrici e dei lavoratori basate sul “ Principio di Precauzione”(4), come già alcune nazioni hanno fatto. Le strategie precauzionali dovrebbero essere basate su standards di progettazione e di prestazioni e può essere non necessario definire soglie numeriche, poiché tali soglie potrebbero essere interpretate erroneamente come livelli al di sotto dei quali nessun effetto nocivo può verificarsi. Queste strategie dovrebbero includere:
6.1 La promozione di sistemi alternativi ai sistemi di comunicazione “senza fili” come , per esempio: fibre ottiche e cavi coassiali; telefoni cellulari che raggiungono maggiori livelli di sicurezza nel loro uso, anche mediante l’allontanamento delle onde dalla testa dell’utilizzatore; mantenimento in vita delle reti telefoniche via cavo; interramento degli elettrodotti nelle vicinanze di zone popolate,e loro istallazione in zone residenziali solo in casi estremi.
(1) Commissione Internazionale per la Sicurezza ElettroMagnetica (ICEMS). Per informazioni vai sul sito www.icems.eu . Altri siti che presentano un identificativo simile sono non autorizzati.
(2) Inclusi quelli non intervenuti ma che hanno inviato una comunicazione scientifica in quella sede
(3) Nella presente Risoluzione ci si riferisce ai campi elettromagnetici di frequenza tra 0 Hz e 300 GHz.
(4) Il Principio di Precauzione stabilisce che quando ci sono indicazioni di possibili effetti nocivi per la salute, anche se essi restano incerti, i rischi della inazione possono essere di gran lunga maggiori di quelli derivanti dall’azione volta a contenere tali rischi.
6.2 La informazione della popolazione circa i rischi potenziali dell’uso dei telefoni cellulari e dei telefoni cordless. Invito ai consumatori a limitare le chiamate “senza fili” e ad usare il telefono fisso via cavo per conversazioni prolungate.
6.3 La limitazione dell’uso dei telefoni cellulari e dei telefoni cordless da parte dei bambini e degli adolescenti ai livelli più bassi possibili con divieto alle compagnie telefoniche di pubblicità indirizzata a tali fasce di età.
6.4 Obbligo per i costruttori di fornire per ogni telefono cellulare e telefono cordless un “kit mani libere” (con viva voce o auricolare).
6.5 Protezione delle lavoratrici e dei lavoratori da apparecchiature che generano campi elettromagnetici mediante restrizioni all’accesso in aree esposte ai CEM e con l’impiego di schermature sia individuali che realizzate attraverso strutture fisiche.
6.6 Pianificazione dell’installazione delle antenne per telefonia mobile in modo da minimizzare l’esposizione delle persone. Registrazione delle stazioni radio base per telefoni mobili da parte di enti locali di pianificazione territoriale e utilizzazione di carte geografiche o mappe tematiche computerizzate per informare il pubblico sulle esposizioni. Le proposte di realizzazione di sistemi di accesso “senza fili” per tutta la città (esempio: Wi -Fi, WIMAX, banda larga via elettrodotto ovvero tecnologie equivalenti) dovrebbero essere sottoposte a una valutazione da parte pubblica sulla potenziale esposizione ai CEM della popolazione e, in caso di installazione, i comuni dovrebbero assicurare che dette informazioni siano disponibili a tutti e siano regolarmente aggiornate.
6.7 Prevedere la delimitazione di zone libere da tecnologie “senza fili” nelle città , negli edifici pubblici (scuole, ospedali, aree residenziali) e sui mezzi pubblici per permettere l’accesso a persone ipersensibili ai campi elettromagnetici.
7. L’ICEMS si rende disponibile a collaborare con le autorità per sviluppare un programma di ricerca sui campi elettromagnetici. L’ICEMS promuove lo sviluppo di protocolli clinici ed epidemiologici per l’indagine su gruppi locali di persone con reazioni allergiche e altre malattie o affette da ipersensibilità e la documentazione di interventi preventivi. L’ICEMS sostiene la collaborazione scientifica e la revisione dei risultati delle ricerche effettuate.
I sottoscritti ricercatori sono disponibili ad assistere la promozione di ricerche sui campi elettromagnetici e lo sviluppo di strategie per la protezione della salute pubblica attraverso la più larga applicazione del principio di precauzione.
Firmato da 31 ricercatori e scienziati europei
Data della pubblicazione : 19 settembre 2006.
Per ulteriori informazioni contattare: Elisabeth Kelley, Segretario Generale ICEMS, Montepulciano (Siena ), Italia.
E-mail: info@icems.eu , sito web: www.icems.eu

printfriendly pdf button - La deliberazione di Benevento sui rischi da esposizione ai CEM