Legge Tv: l’Europa insiste…

L’Europa continua a non vederci chiaro nella situazione legislativa italiana in tema di Televisione, anche dopo la recente e discussa legge che tenta di rispondere ad alcune contestazioni europee, evitando possibili prossime sanzioni


da Millecanali.it

Per questo ci chiede una ventina di chiarimenti…

Dal sito www.quomedia.info:

«I servizi della Concorrenza della Commissione europea hanno inviato venti quesiti al governo italiano in cui chiedono di chiarire quale sia l’attuale distribuzione delle frequenze nel settore delle emittenti Tv in Italia. È un ulteriore passo nel contenzioso sulla Legge Gasparri.
La Ue chiede inoltre quale sarà la situazione dopo il passaggio al digitale terrestre e se sia sufficiente l’obbligo, per Rai e Mediaset, di lasciare libero il 40% della capacità trasmissiva ad altri operatori, per evitare che il duopolio Rai-Mediaset finora esistente nell’analogico si riproduca anche nel digitale terrestre.
La Commissione affronta anche la questione Rete 4. Chiede come e quando l’Italia porrà fine alla situazione anomala di una rete Tv (Rete 4) che, sebbene priva della concessione, è stata autorizzata a continuare a trasmettere. L’Antitrust vuole “informazioni sulle emittenti nazionali ‘legittimamente operanti ai sensi della normativa vigente’, e che non si sono classificate in posizione utile nella graduatoria, sancita con il d.m. 28 luglio 1999, (che consentiva) l’attribuzione di una concessione per la radiodiffusione televisiva su frequenze terrestri in ambito nazionale. Oltre a identificare tali emittenti, si prega di fornire chiarimenti sul titolo normativo che consente loro di continuare le trasmissioni di radiodiffusione televisiva analogica”.
Per la Ue, “qualora si dovesse ritenere che sia ancora in vigore l’autorizzazione a proseguire le trasmissioni in tecnica analogica per gli operatori che non sono titolari di una concessione analogica (ossia Rete 4; Ndr.), si prega di indicare quali eventuali misure le autorità italiane intendono adottare per porre fine a tale autorizzazione”».

Insomma. L’Europa (e non è la sola) continua a non capire come mai il mondo della Televisione in Italia sia sempre così “anomalo” rispetto agli “standard” degli altri Paesi europei e alle leggi continentali in generale. E non è certo solo questione di Europa 7…

printfriendly pdf button - Legge Tv: l’Europa insiste…