NEWSLINET.IT: Newsletter n. 544 del 10/03/2010

newsletter newsline logo - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 544 del 10/03/2010 newsletter title - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 544 del 10/03/2010 newsletter topright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 544 del 10/03/2010
La protesta delle radio e tv locali, private dal Governo, con l’approvazione della legge 25/2010 (conversione del DL Milleproroghe), dell’essenziale sostegno delle provvidenze per l’editoria, continua.
 
Non serve aspettare la lenta affermazione del DAB per capire che la radio è già cambiata. Il lancio ufficiale del sistema RadioDNS, il cui consorzio costitutivo si è dato un ordinamento a fine febbraio è un esempio molto interessante per tutti.
 
"Ci sono diversi modi per uccidere la libertà d’informare e di comunicare. L’ultimo escogitato dal governo Berlusconi colpisce l’economia delle radio e delle televisioni locali, con l’effetto di limitarne le possibilità giornalistiche".
La Commissione europea si appresta a dare a Sky il via libera per operare nel 2010 sulla piattaforma digitale terrestre.
Il Governo Berlusconi comincia a sentire il fiato sul collo della persistente protesta delle radio e tv locali, la cui reazione, a seguito del blitz con il quale sono state cancellate le provvidenze per l’editoria, certamente aveva sottovalutato.
 

Ottocentodue radio (di cui quindici in lingua tedesca) e 504 televisioni locali, 150 periodici e cinque quotidiani italiani all’estero sono le cifre della ‘piccola’ editoria colpita da uno tsunami con i tagli delle risorse pubbliche introdotti dal decreto Milleproroghe divenuto il 25 febbraio legge dello Stato.
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 544 del 10/03/2010
Nel corso del 2010 la pubblicita’ online negli Usa superera’ quella su giornali, riviste e altri ‘media’ come opuscoli e volantini.
Arriva dal Wsj un altro spunto di riflessione importante sull’evoluzione della televisione. Sembra, infatti, che Google stia testando un motore di ricerca che consenta agli utenti di ricercare canali sulla tv in modo analogo a come gli internauti effettuano le proprie ricerche sul web.
Dopo lunga malattia è morto per un male incurabile, la notte scorsa ad Ancona, Tonino Carino, storico giornalista sportivo della Rai e popolare protagonista di innumerevoli trasmissioni.
L’opportunita’ per Sky riguardante l’assegnazione di 5 multiplex del digitale terrestre per ora "e’ assente". Cosi’ ha dichiarato ieri Tom Mockridge, amministratore delegato di Sky Italia, in occasione della presentazione del libro ‘Rete Italia’ di Corrado Calabro’.
Attuazione dell’articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali. (10G0050)
Bene, la settimana è iniziata con un certo rinvigorimento della protesta delle radio locali contro la decisione governativa di sopprimere le provvidenze dell’editoria che contribuivano a tenere in piedi quel poco di informazione libera ed indipendente che sopravvive nell’etere italiano.
On line il nuovo bollettino della Autorità garante per la concorrenza ed il mercato.
Se n’è andato un altro dei mostri sacri del giornalismo italiano del Novecento. Ha avuto una carriera d’altissimo profilo, Alberto Ronchey, classe 1926, romano.
Mentre noi (gli utenti) ci preoccupiamo (quasi esclusivamente) di quante cose nuove possiamo fare grazie a questo o quell’altro sito web, loro (le aziende) pensano anche a come far fruttare ogni nuova opportunità del caso.
La crisi del mondo editoriale non fa sconti in nessuna parte del mondo. Anche negli Usa, dove il modello economico dei grossi network sembrava ormai consolidato da decenni, l’attuale crollo sta provocando una vera e propria strage e le prime vittime, com’era prevedibile che fosse, saranno i dipendenti.
Estratto da una circolare della struttura di competenze a più livelli Consultmedia (collegata a questo periodico)
Il Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione ha annunciato la pubblicazione, a breve, delle “Linee guida per i siti web della PA", dirette ad “avviare un processo verso il miglioramento continuo della qualità dei siti web pubblici”.
Continua la battaglia contro le nuove regole varate dalla Rai per la seconda fase della campagna elettorale, nella quale si è assistito alla scomparsa, dalle reti pubbliche, delle trasmissioni di approfondimento informativo.
Tutto si può dire di Minzolini (foto), fuorchè sia un personaggio che non fa  discutere. Fa discutere all’interno – nella redazione in cui lavora – e  all’esterno – nell’opinione pubblica e sui media concorrenti.
Negli Stati Uniti programmi locali e nazionali sono da sempre fenomeni complementari: quasi tutte le dodicimila radio americane via etere hanno, infatti, marchi locali e raramente possono essere ascoltate al di fuori della singola città o contea.
Roma, mercoledì 17 marzo 2010 Università degli Studi di Roma Tre Facoltà di Giurisprudenza – Sala del Consiglio – Via Ostiense 159 – Presiede: Cesare Mirabelli, Presidente emerito della Corte Costituzionale
La Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica al fine di identificare l’approccio migliore per garantire a tutti i cittadini dell’ UE la disponibilità dei servizi di telecomunicazione di base.
Si è tenuto a Padova, alla fiera ExpoGadget, un convegno sulla radio digitale in Italia, durante il quale si sono visti numerosi esemplari dei nuovi ricevitori Pure Technology, inclusa la famosa radio multistandard e "Web enabled" Pure Sensia.
Il proprietario di un’emittente radiofonica in provincia di Bari e’ stato denunciato dalla Guardia di Finanza con le accuse di violazione della normativa sul diritto d’autore e ricettazione.
Molti di noi amano visualizzare programmi tv e fiction in lingua originale. Con Sky è possibile farlo selezionando il tasto “info” e scegliendo la lingua preferita per l’audio e, eventualmente, quella per i relativi sottotitoli.
Il viceministro al MSE Romani ha incontrato il commissario europeo alla concorrenza Joaquim Almunia per cercare di capire la posizione della Ue sulla richiesta della News Corp. di Rupert Murdoch (foto) di potere entrare come operatore di rete e fornitore di contenuti premium nel dtt prima della scadenza imposta da Bruxelles al 31/12/2011.
“La Federazione nazionale della stampa, il Comitato per la difesa della libertà di stampa e del pluralismo, Mediacoop ed Articolo 21 hanno convocato una Assemblea-Conferenza stampa per il pieno ripristino dei contributi pubblici all’emittenza locale, ai giornali editi e diffusi all’estero nonché ai giornali dei consumatori".
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 544 del 10/03/2010