NEWSLINET.IT: Newsletter n. 545 del 17/03/2010

newsletter newsline logo - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 545 del 17/03/2010 newsletter title - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 545 del 17/03/2010 newsletter topright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 545 del 17/03/2010
Duecento radio locali italiane, in contemporanea, giovedì 18 marzo, alle 12,30, sensibilizzeranno l’opinione pubblica contro il blitz del governo, ratificato dal Parlamento in sede di conversione in legge del DL Milleproroghe, con il quale sono state cancellate le provvidenze per l’editora a favore delle radio e tv locali.
 
"Negli elementi del quadro di riferimento per le iniziative di una Autorità di Garanzia, oltre alla normativa vigente ed al coordinamento nazionale, non possono non essere tenuti ben in evidenza le prime verifiche conseguenti al passaggio al digitale delle prime Regioni importanti".
 
"Martedì scorso il Presidente dell’Associazione Tv locali FRT, Maurizio Giunco, e il direttore Rosario A. Donato, hanno partecipato all’audizione indetta dall’Agcom per la revisione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze digitali".
L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ritorna sui suoi passi e modifica la disciplina dettata per la seconda fase della campagna elettorale con riguardo alle trasmissioni informative.
Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti (foto) ha annunciato oggi un intervento compensativo del governo a favore delle emittenti locali private dell’essenziale fonte contributiva costituita dalle Provvidenze per l’editoria soppresse con la conversione in legge del DL Milleproroghe.
 

Dopo che il Cda Rai ha confermato lo stop ai talk show in vista delle elezioni, Altroconsumo annuncia una class action contro Rai per mancata fornitura del servizio pubblico, per il quale gli utenti pagano il canone.
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 545 del 17/03/2010
Alla fine, in tv, vincono gli ascolti. È la legge della televisione e hai voglia a questionare su problemi deontologici e commistioni politica-informazione. Alla fin dei conti, se gli ascolti ti premiano, il resto rimane lettera morta sui giornali di opposizione.
Un nuovo capitolo, l’ultimo, sullo stop dei talk show sulla Rai e il nuovo fronte Minzolini, per l’inchiesta della Procura di Trani e la polemica sulle scelte redazionali del direttore del Tg1.
Intervenendo nei giorni scorsi al Forum di Cernobbio della Confcommercio, il Presidente dell’ Antitrust, Antonio Catricalà, ha definito la proposta di legge di riforma della professione di avvocato "talmente restrittiva che non permetterebbe a quasi nessuno che non sia parente di avvocati di accedere a questo lavoro".
Il prossimo ottobre anche il Friuli Venezia Giulia passerà al digitale terrestre: l’esperienza delle altre regioni che hanno già affrontato il passaggio insegna che l’introduzione della nuova tecnologia richiede l’informazione e la partecipazione attiva dei cittadini, soprattutto nella delicata fase dello switch-off, quando verrà definitivamente spento il segnale analogico.
In occasione dei recenti appuntamenti con la stampa specializzata, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in ordine all’esatta interpretazione di alcune disposizioni normative in materia di Iva, rimborsi, visto di conformità, accertamento, studi di settore, scudo fiscale, agevolazioni fiscali, sanzioni e processo tributario.
Sotto indagine le condizioni contrattuali imposte ai siti web per la raccolta pubblicitaria online. Google determinerebbe i corrispettivi degli spazi pubblicitari venduti attraverso la sua rete a sua assoluta discrezione e senza spiegare come vengono calcolati. Procedimento esteso alla Società Google Ireland Limited.

Determinazione della misura dei canoni di abbonamento alle radiodiffusioni per l’anno 2010. (10A03054)

La Regione Lombardia si pone all’avanguardia nello sviluppo della banda larga. E’ quanto si ricava dai tre progetti, varati dalla Regione in collaborazione con l’Unione Europea ed il Governo, che prevedono di raggiungere, entro il 2012, una copertura del 99,8 per cento del territorio lombardo, garantendo, comunque, al restante 0,2% l’accesso al satellitare.
Entrato in vigore il 10 marzo 2010 il decreto del ministero dello Sviluppo Economico contenente il Regolamento di attuazione del Codice della proprietà industriale.
E’ online dal 2005 e si appresta a divenire ancora di più un punto di riferimento per gli appassionati del settore, per i curiosi, per i tecnici o per chi semplicemente cerca informazioni sul proprio programma preferito.
“Il passaggio al digitale terrestre, ma più in generale le trasformazioni tecnologiche che investono, e ancor più investiranno nei prossimi anni il mezzo che siamo abituati a chiamare televisione, impongono alle tv locali di ripensare il proprio ruolo”.
No dei consiglieri della maggioranza del Cda della Rai ai talk show politici. Toccherà ora alla Commissione di Vigilanza ripristinare o meno le trasmissioni. Ma intanto i componenti dell’opposizione insorgono.
Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione legislativa che prevede la modifica delle regole di contabilità per le piccole imprese che saranno esentate dall’obbligo di redigere il resoconto annuale.
Le elezioni si avvicinano e c’è da giurarci che del caos provocato dall’inchiesta di Trani resterà poco più che un’eco lontana, dimenticata – come sempre accade in Italia – ed offuscata dai risultati delle urne, qualunque responso esse diano.
La società Audiradio ha informato che domani mattina saranno disponibili nel sito www.audiradio.it i file in formato excel relativi alle tavole statistiche dettagliate dei dati Audiradio annuali 2009 (1°bimestre+2°bimestre+3°bimestre+4°bimestre+5°bimestre+6°bimestre).
Viale Mazzini dice no al ritorno in onda delle principali trasmissioni di approfondimento giornalistico. Demandata la decisione alla commissione di Vigilanza.
On line il nuovo bollettino della Autorità garante per la concorrenza ed il mercato.
Atto di richiamo per il riequilibrio nell’applicazione dei principi sul pluralismo dell’informazione durante la campagna per le elezioni regionali provinciali e comunali fissate per i giorni 28 e 29 Marzo 2010
Modifica della Delibera n. 25/10/CSP recante disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni regionali provinciali e comunali fissate per i giorni 28 e 29 marzo 2010, nella fase successiva alla presentazione delle candidature.
Nuova diffida formale per otto impianti radiotelevisivi che hanno superato i limiti di campo elettromagnetico a San Silvestro colle.
All’alba dell’entrata in vigore della L. 103/1975 le pressioni per consentire l’accesso pluralistico al mezzo radiotelevisivo stavano diventando sempre più forti.
“I recenti eventi meteorologici che hanno gravemente inciso sulle condizioni di viabilità del tracciato stradale nazionale intrappolando nella notte gli automobilisti e causando disagi a tutti gli utenti, ci spingono a dare una risposta in termini di servizio pubblico e in linea con la missione che ci è stata affidata”.
"Le condizioni per trovare una convergenza sul taglio ai fondi alle imprese radiofoniche e televisive locali ci sono. Ci auguriamo solo che il Governo si dimostri più stringente sui tempi".
La scuola si avvia ad essere sempre più informatizzata, digitale. E’ di questi giorni la notizia che la Olivetti sta per mettere in vendita un pacchetto digitale che dovrebbe avere mercato nell’ambito della scuola italiana e poi nel resto dell’Europa.
La modalità delle assunzioni (la chiamata diretta) è, però, ancora al vaglio della Procura della Corte dei conti che ha chiesto un risarcimento di 4 milioni di euro a Cuffaro, Lombardo e Castaldi.
”Oggi stesso invierò gli ispettori a Trani per andare a verificare cosa e’ successo. Ovviamente senza interferire nell’indagine, potere che non mi compete ma solo per capire come possano verificarsi queste gravi patologie”.
Con la modifica all’ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV) il Consiglio federale elvetico migliora ulteriormente le condizioni economiche quadro per le emittenti radiotelevisive.
L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha emanato un comunicato a seguito della decisione del TAR Lazio di sospendere le disposizioni che equiparavano i programmi di informazione a quelli d’informazione politica per le emittenti televisive private.
Nei quindici giorni precedenti la data della votazione e fino alla chiusura delle operazioni di voto “è vietato rendere pubblici o, comunque, diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori, anche se tali sondaggi sono stati effettuati in un periodo precedente a quello del divieto".
A partire dalla mezzanotte del 12 marzo 2010 e fino alla chiusura dei seggi elettorali vige il divieto di pubblicazione e/o diffusione dei sondaggi politici ed elettorali sull’esito delle elezioni e sugli orientamenti politici e di voto riguardanti le elezioni europee ed amministrative.
Lorenzo Del Boca ed Enzo Iacopino: “Prevale il buon senso. L’informazione torna in Tv”. Franco Siddi: “CdA della Rai torni sui suoi passi”. CdA Rai convocato per lunedì prossimo alle 12.
“L’informazione, la circolazione delle idee, il confronto delle voci non si possono interrompere. La Federazione Nazionale della Stampa Italiana ha deciso di promuovere iniziative e manifestazioni per sostenere la libera informazione e assicurare la circolazione di punti di vista e di espressioni culturali e professionali”.
La protesta delle emittenti locali contro la cancellazione delle provvidenze per l’editoria, inopinatamente proposta dal governo in sede di conversione in legge (n. 25/2010) del DL "Milleproroghe", sta, forse, sortendo il suo effetto.
"Gli ottimisti dicono sempre che ogni situazione difficile ci regala un’opportunità", scrive Enrico Mentana, in una lettera aperta al direttore del Corriere della Sera, Paolo Mieli.
Ripristinare in via definitiva e ”non a titolo provvisorio” il diritto soggettivo dei giornali a ricevere i contributi diretti, senza legarli alle somme stanziate nel bilancio; tornare alle agevolazioni a favore delle radio e tv private, dei giornali italiani all’estero e dei giornali dei movimenti dei consumatori, agevolazioni che sono state tagliate con il decreto ‘milleproroghe’.
”Se non possono venire i candidati da noi, andremo noi da loro”. Ospite ieri mattina di Cominciamo bene, in diretta su Raitre, Giovanni Floris, ‘orfano’ di Ballarò, sospeso fino alle elezioni come gli altri approfondimenti di prima e seconda serata dal consiglio di amministrazione della Rai, ha lanciato l’idea di un talk show itinerante tra le Regioni.
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 545 del 17/03/2010