NEWSLINET.IT: Newsletter n. 580 del 24/11/2010

newsletter newsline logo - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 580 del 24/11/2010 newsletter title - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 580 del 24/11/2010 newsletter topright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 580 del 24/11/2010
Lupi (PDL): "Troveremo altri 300 mln siamo pronti a toglierli alle tv locali". L’incredibile affermazione è tratta dal titolo dell’articolo apparso ieri a pagina 4 del quotidiano La Repubblica, all’interno del quale il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi (foto), dichiara di essere pronto a “negare le risorse previste per le tv locali” al fine di recuperare i 300 milioni di euro del 5 per mille".
 
Nella seduta del 18/11/2010 alla Camera è stato presentato, su iniziativa dell’onorevole Antonio Borghesi (Italia dei Valori) – che ha accolto l’invito formulato dal Comitato Radio Tv Locali – una proposta emendativa al ddl di Stabilità relativamente ai commi che disciplinano l’asta per l’assegnazione dei canali 61-69 UHF al potenziamento della banda larga in mobilità.
 
Di bene in meglio. Era ormai noto che le assegnazioni dei diritti d’uso temporanei per le frequenze DTT alle tv locali conseguivano a istruttorie palesemente approssimative e avrebbero dovuto essere presto riscritte in conseguenza dell’asta per il dividendo esterno (che priverà la radiodiffusione tv dei canali dal 61 al 69 UHF).
Se il governo Berlusconi mangerà il panettone, una delle questioni che dovrà presto affrontare sarà quella del destino delle tv locali alle quali sono state (o saranno) assegnati i canali dal 61 al 69 UHF.
Con decisione assunta ieri in camera di consiglio (e pubblicata oggi), il TAR Lazio ha rinviato la trattazione dell’istanza cautelare avanzata da alcuni operatori di rete locali lombardi contro i provvedimenti di assegnazione dei diritti d’uso delle frequenze DTT nell’Area Tecnica 3.
 

Sulla scia del decreto Romani si continuano a produrre danni, applicando a Internet le regole dei vecchi media. Lo dichiarano i parlamentari Paolo Gentiloni del Partito Democratico e Roberto Rao dell’Unione di Centro.
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 580 del 24/11/2010
La giunta provinciale concede contributi alle radio private, con sede ed attivita’ in Alto Adige, che si avvalgono dei servizi di agenzie di stampa per confezionare le trasmissioni informative in lingua tedesca e ladina.
Aumentare le risorse a favore dell’emittenza locale e delle radio locali. I 45 milioni previsti nella legge di stabilita’ non sono sufficienti.
In vista dell’adozione dei decreti delegati sulla mediazione e conciliazione civile e commerciale e alla luce del ddl inerente la riforma dell’ordinamento forense, l’Agcom ha invitato il Governo a riflettere sul possibile impatto che la normativa in cantiere potrebbe avere sulle procedure di risoluzione delle controversie di competenza dell’Autorità.
Dopo l’allarme lanciato per primo da questo periodico, le associazioni delle tv locali si risvegliano dal torpore ed iniziano a contrastare la decisione del governo di destinare, con un’asta dalle dubbie modalità di esecuzione, i canali dal 61 al 69 UHF al potenziamento della banda larga mobile a danno degli operatori areali.
Ieri gli operatori di rete delle regioni Emilia Romagna (Area Tecnica 5), Veneto (A.T. 6) e Friuli Venezia Giulia (A.T. 7) hanno ricevuto via email dalla Fondazione Ugo Bordoni la prima bozza del masterplan delle transizioni conseguente al tavolo tecnico tenutosi il 5 novembre.
Approvato dal Consiglio dei Ministri del 18 novembre 2010 il regolamento per il riordino dei contributi all’editoria. L’obiettivo è premiare i giornali che arrivano effettivamente nelle edicole, eliminando dal calcolo le copie vendute in blocco e quelle vendute attraverso lo strillonaggio.
Con la Circolare n. 38 del 12 novembre 2010 il Ministero del Lavoro fornisce le prime istruzioni operative in materia di maxisanzione contro il lavoro sommerso.
Il decreto legislativo sui fabbisogni standard di regioni, province e comuni è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei ministri del 18 novembre scorso.
I tempi per discutere lo Statuto dei lavoratori sono dunque maturi. Non si tratta di prospettarne la cancellazione, quanto un suo aggiornamento.
Il social network più famoso del mondo è un’entità in continuo movimento, così come pretende il business di internet se non si vuole cadere presto nell’oblio.
Un passo avanti e due indietro. Il decreto Bersani (del 2006) liberalizza, ma Ordine degli Avvocati e Cassazione censurano la campagna pubblicitaria dell’avvocato proposta attraverso slogan ad effetto, reputati troppo suggestivi ai fini della correttezza e del decoro professionale.
Forse dal prossimo anno ci si potrà collegare (quasi) liberamente alla rete wi-fi del proprio bar preferito e navigare anche col proprio pc, o tablet pc, o perché no, anche smartphone.
Le generazioni cambiano, i televisori diventano sempre più tecnologici, i telespettatori rimangono però seduti sul divano. Quest’ultima è una ragione più che sufficiente per consentire la navigazione del web dai televisori, a patto che si possa trovare un compromesso tra l’indiscutibile velocità di un computer e l’altrettanto indiscutibile comodità di una poltrona.
On line il nuovo bollettino della Autorità garante per la concorrenza ed il mercato
In questi giorni la XIV Commissione del Senato (politiche dell’Unione Europea) riprende l’esame della cosiddetta “legge comunitaria”, ovvero quel provvedimento che delega il governo a emanare una serie di decreti legislativi di recepimento delle direttive europee.
Le liste d’attesa per gli antennisti, a Como e provincia, sono ancora lunghissime. I problemi di ricezione legati allo spegnimento definitivo del segnale analogico, avvenuto quattro gioni fa (lo scorso 18 novembre, così come a Lecco), continuano a tenere gli abitanti dei condomini comaschi in uno stato di semi-buio televisivo.
960.00 euro di multa alla società di diritto inglese Euro Content Ltd (con sede operativa in Germania), con annessa pubblicazione sulla home page del proprio sito internet www.easy-download.info della delibera di condanna dell’Autority, per aver fatto pagare abbonamenti agli utenti al fine di poter scaricare dalla rete programmi gratuiti.
Dopo La 5, Iris, Boing ed i canali pay di Premium è in arrivo, sul digitale terrestre, un altro nuovo programma numerico del biscione: Mediaset Extra, “ Tutto il meglio di Canale 5, Italia 1 e Rete 4 su una sola rete”, come recita lo spot di lancio.
Il Consiglio Nazionale Forense preme affinché il Senato approvi il disegno di legge di riforma dell’ordinamento professionale forense.
Con la sentenza n. 40107 depositata in cancelleria il 12 novembre 2010, la seconda sezione penale della Corte di Cassazione interviene sul tema del concorso nel reato di truffa aggravata per il commercialista che presta il fianco ad artifizi e raggiri per far ottenere benefici economici ad un proprio cliente.
Soddisfazione è stata espressa dalla Federazione Italiana Editori Giornali e dalla Federazione Nazionale Stampa Italiana con riguardo al testo del regolamento, approvato dal Consiglio dei Ministri, di semplificazione e riordino della disciplina di erogazione dei contributi diretti e indiretti all’editoria.
Il 17 novembre è nata Radio Yang, web radio promossa dall’Agenzia nazionale per i giovani e dal Ministero della Gioventù, che ha l’obiettivo di promuovere momenti di musica, informazione e intrattenimento vario.
Dall’Annuario statistico italiano 2010 redatto dall’Istat emerge nel nostro paese un aumento, rispetto allo scorso anno, degli utilizzatori di pc ed internet, con notevoli differenze di genere e territoriali, mentre rimane stabile il numero di fruitori di radio e tv e calano i lettori di quotidiani.
Radio Press Panda nasce a Milano nel 1979 da una probabile quanto curiosa filiazione di Radio Panda di Garbagnate Milanese (località alla periferia nord di Milano), che trasmetteva dal 1976 su 96,600 MHz e 102,450 MHz.
Alle 6.30 del 26 novembre chiuderà Rai Extra e partirà Rai 5 con la trasmissione “Aspettando Rai 5 – Loop”. Il canale che trasmette il meglio del palinsesto delle tre generaliste darà spazio al nuovo progetto editoriale che verterà sull’intrattenimento e presenterà 24 ore non stop documentari, musica sinfonica, reportage, danza e film.
Si è tenuto martedì a Milano, presso lo spazio Pelota di via Palermo, in zona Brera, il Fox Upfront: presentazione delle novità e punto della situazione finanziaria delle reti Fox, amministrate in Italia da da Diego Landono.
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 580 del 24/11/2010