NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014

newsletter newsline logo1 2 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014 newsletter title11 2 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014 newsletter topright3 2 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha avviato una procedura di consultazione pubblica sui criteri e le modalità per l’attribuzione di misure economiche di natura compensativa in favore di player DTT per la liberazione dei canali utilizzati dai Paesi confinanti, pianificate ed assegnate a network provider italiani ed oggetto di accertate situazioni interferenziali.
elite banner 9b 2 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
xchange banner nl7 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
banner Elite4 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
 
E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 258, Serie Generale, dopo la registrazione della Corte dei conti, il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, firmato il 30 settembre 2014 con il concerto dei Ministri del lavoro, dello sviluppo economico e dell’economia, con il quale sono state ripartite le risorse del Fondo straordinario per gli interventi di sostegno all’editoria, istituito per il triennio 2014 – 2016 con l’articolo 1, comma 261, della legge di stabilità per l’anno 2014.
 
S’avvicina la riscossa per i bistrattati fornitori di contenuti. Archiviata l’illusione dell’eldorado dell’attività di network providing DTT (rivelatasi una clamorosa bolla), il mercato manifesta esigenze di prodotti tv tematici.
Il sottosegretario al Ministero dello Sviluppo economico con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli si è espresso sull’empasse della radio digitale in Italia con un intervento alla XX^ edizione della World Dmb General Assembly, assemblea generale del Forum mondiale sulla radio digitale tenutosi a Roma.
L’Osservatorio FCP-Assoradio ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del periodo Gennaio-Settembre 2014. I dati evidenziano un aumento del fatturato pubblicitario della pubblicità nazionale radiofonica pari al +3,5% nel mese di Settembre 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013.

banner SIT b9 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
banner Elite4 0 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
banner Radio Mondo9 1 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
Pubblicata da Agcom la sintesi delle risposte pervenute sul questionario sull’impiego della banda di radiodiffusione in onde medie (526.5 – 1606.5 khz) in alcuni paesi europei (il calce il documento).
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014
Il Consiglio di Amministrazione di Mediaset ha approvato il Resoconto Intermedio di gestione al 30 settembre 2014. "Nel quadro economico negativo che continua a deprimere gli investimenti pubblicitari e indebolire il mercato della tv a pagamento, il Gruppo Mediaset mostra una spiccata reattività caratterizzata da contromisure in grado di generare segnali significativi", spiega la nota introduttiva.
Stop ai programmi della CNN in Russia: entro la fine dell’anno la Turner Broadcasting System Europe Limited sospenderà le trasmissioni in onda dal 1993.
Conclusa l’indagine congiunta Antitrust-Agcom sulla banda larga: “Proseguire celermente con la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione”. Reti in fibra ottica, “esigenza prioritaria”.
La tv del gruppo Feltrinelli punta sugli approfondimenti e sulla creazione di contenuti di qualità grazie agli sponsor degli investitori.
Il gruppo radiofonico è stato ammesso al progetto di Borsa Italiana finalizzato a supportare e promuovere lo sviluppo delle Pmi nazionali, spingendole sempre più verso l’internazionalizzazione.
Il decano dei giornalisti Franco Giustolisi è morto a 89 anni il 10 novembre a Roma. Cronista fin dagli anni Cinquanta nei giornali Paese Sera e Italia Domani, fu poi inviato speciale de Il Giorno, indi per la Rai (coautore della mitica TV7) ed in seguito per L’Espresso.
In merito all’intervista di Maurizio Costa, Presidente di Fieg, ”desideriamo ricordare – spiega in una nota il portavoce di Google – che Google collabora con gli editori per aiutarli a incrementare i ricavi delle loro testate online e ad avere un rapporto più diretto con i loro lettori”.
Il mercato degli investimenti pubblicitari nei primi nove mesi dell’anno chiude a -3,2% rispetto allo stesso periodo del 2013, pari a circa 142 milioni in meno. I primi otto mesi dell’anno si erano chiusi a -2,7%. Lo dicono i nuovi dati Nielsen diffusi qualche giorno fa.
10 milioni per riportare a galla L’Unità: è stata formalizzata la scorsa settimana l’offerta di acquisto formulata dall’editore, d’intesa con il Pd, al fine di consentire la ripresa delle pubblicazioni entro fine anno.
Anche la raccolta pubblicitaria delle reti RAI inverte il segno negativo: la concessionaria (a.d. Fabrizio Piscopo) punta a chiudere il 2014 in linea con il 2013 o addirittura con un leggero incremento, alla luce del +1% registrato in questo periodo.
Nel pomeriggio del 7 novembre il sito internet della stazione Radio Punto Zero di Trieste è stato hackerato da un gruppo riconducibile a dei fondamentalisti islamici.
Come prevedivile (e previsto) la legge di Stabilità ha calato la propria scure anche sui contributi alle emittenti locali, tagliati di 3.150.329 euro su base annua nel triennio 2015- 2017.
Nella seduta del 14 ottobre scorso, il Consiglio Regionale pugliese ha approvato all’unanimità un ordine del giorno, indirizzato al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, al fine di sventare il rischio che i provvedimenti in essere a livello nazionale possano determinare la chiusura di tante ed importanti testate televisive pugliesi le cui conseguenze sarebbero disastrose sotto diversi aspetti, da quello della mancanza di pluralità dell’informazione sino all’azzeramento occupazionale dell’intero comparto.
“Aeranti-Corallo ritiene tali norme inaccettabili in quanto lo Stato Italiano, a fronte di proprie evidenti responsabilità politiche e legali sulla problematica avrebbe dovuto individuare soluzioni adeguate per tutelare la posizione di imprese che hanno realizzato investimenti e sviluppato occupazione confidando in assegnazioni frequenziali rimesse in discussione poco tempo dopo il relativo rilascio".
Nonostante la Delibera Agcom sulla rideterminazione dei canoni per i diritti d’uso delle frequenze DTT fosse considerata favorevole ai superplayer RAI e Mediaset, quest’ultima l’ha impugnata al TAR e, in via di autotutela, si sarebbe autoridotta il dovuto da 20,39 mln di euro a 8,85 mln, sostenendo di dover pagare solo fino al 30 giugno, ovvero solo per i sei mesi dell’era analogica.
Si avvicina il debutto di Gazzetta Tv, nuovo canale (su LCN 59 del DTT) per il quale Rcs Mediagroup, secondo indiscrezioni raccolte da “MF-Milano Finanza”, intende investire circa 60mln di euro in cinque anni (8-9mln per i primi due anni e 15mln annui per il triennio successivo).
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 779 del 12/11/2014