Poteri latenti

L’amministrazione delle Comunicazioni dispone, come tutti gli uffici pubblici, di un potere smisuratamente utile a sé ed agli operatori. Si chiama autotutela. E non ne fa quasi mai uso.

O almeno non ne fanno proficuo impiego proprio quegli organi, mal assemblati e peggio regolati, che più ne avrebbero bisogno. Con l’autotutela (il cui esercizio può essere – e normalmente lo è – incoraggiato dal cittadino) l’Amministrazione può riconsiderare i propri atti nell’ambito della tutela dell’interesse pubblico. Con l’autotutela, la P.A. può riesaminare criticamente la propria attività, correggendo, sospendendo o revocando atti, ad un più attento esame, palesatisi illegittimi. Una facoltà di cui, come detto, approfitta purtroppo raramente, reagendo il più delle volte stizzita, sorda o annoiata alle istanze di riesame (che per definizione hanno l’obiettivo di incoraggiare la riflessione degli uffici pubblici): preferisce, la P.A. più ottusa, delegare l’analisi al giudice amministrativo, che a ben più elevati compiti aspirerebbe. Una capacità così importante che in sede di riforma del processo amministrativo – all’esame del Consiglio dei ministri – si è deciso di spronare nella sua applicazione. L’impulso all’impiego dello strumento si concreterà nella previsione del pagamento delle spese processuali qualora l’amministrazione, che avrebbe potuto valutare se procedere in autotutela anziché aspettare la sentenza di annullamento dell’atto, abbia deciso di non farlo. E chissà che i conti salati così recapitati stimoleranno gli indolenti funzionari a meglio quotare l’autodichia.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Poteri latenti

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL