Progressi nell’UE nella riduzione dei costi amministrativi per le imprese

L’ultima relazione sui progressi compiuti per ridurre del 25% entro il 2012 i costi amministrativi che ogni anno la legislazione UE impone alle imprese rivela che sebbene manchino ancora due anni alla scadenza, l’UE ha già compiuto enormi passi in avanti e potrebbe addirittura superare gli obiettivi fissati.

La Commissione calcola che gli oneri amministrativi derivanti dalle norme UE e dalle conseguenti leggi nazionali costino ogni anno alle imprese circa 124 miliardi di euro. Grazie alle misure approvate le imprese dovrebbero ora risparmiare 7 miliardi di euro l’anno in termini di costi amministrativi. Altri 31 miliardi di euro l’anno potranno essere risparmiati se in ambito europeo verranno adottate le misure già presentate e in attesa di approvazione che prevedono, ad esempio, la semplificazione delle norme contabili per le imprese con un massimo di 10 dipendenti e l’abolizione delle restrizioni sull’utilizzo delle fatture elettroniche ai fini della dichiarazione IVA. Nel complesso le misure previste, proposte o approvate ammontano al 33% dei costi amministrativi per un importo pari a oltre 40 miliardi di euro l’anno. Ridurre la burocrazia è un elemento chiave della strategia dalla Commissione per uscire dalla recessione e dare un impulso all’economia in un momento di stretta creditizia. Molte delle misure sono destinate alle piccole imprese, la principale fonte di occupazione nell’UE. (Europa Regioni)
printfriendly pdf button - Progressi nell’UE nella riduzione dei costi amministrativi per le imprese
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Progressi nell’UE nella riduzione dei costi amministrativi per le imprese

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO