Pubblica Amministrazione: il ministro Brunetta ne ha anche per Facebook negli uffici pubblici

Quando Brunetta si impunta spesso raggiunge il proprio obiettivo. Nel mirino dell’infaticabile Ministro vi sono ora i social network – Facebook in primis – contro i quali è allo studio l’inserimento di alcuni filtri software che impediscono l’accesso ai portali dal posto di lavoro da parte dei dipendenti della P.A. Secondo Brunetta, infatti, l’uso di Facebook distoglierebbe i "fannulloni 2.0" dai propri compiti, anche se – da più parti – alcuni studi affermano che l’uso saltuario di programmi di svago contribuirebbe ad accrescere la concentrazione del 9% (qui i risultati della ricerca). Brunetta(1) - Pubblica Amministrazione: il ministro Brunetta ne ha anche per Facebook negli uffici pubbliciIn realtà il ministro non si è inventato nulla di nuovo, visto che da tempo l’iniziativa è stata intrapresa da altre istituzioni, come ad esempio il Comune di Milano, le Poste Italiane e le regioni Lombardia e Veneto. A Napoli, invece, dove l’originalità è sempre di casa, la pausa caffè è stata sostituita dalla “pausa di socializzazione virtuale”. Ci sia concesso dire che, forse, è meglio un caffè di una chiacchierata virtuale. Ma torniamo a Brunetta. A seguito di un rapido controllo su Facebook, pare che il Ministro – ovviamente iscritto al social network – abbia a vario titolo circa 56mila tra sostenitori e fan, sia come personaggio politico che come personaggio pubblico. Possibile che nessuno di questi si annidi nella P.A. e commenti le sue gesta dal posto di lavoro? Siamo pronti a scommettere che molti di essi lavorano negli uffici pubblici e che gli attestati di stima o (più probabilmente) meno provengano proprio dal posto di lavoro. Del resto, non vediamo chi abbia voglia – dopo una giornata di lavoro – di tornare a casa e connettersi a Internet (nonché andare su FB e scrivere “Viva Brunetta e abbasso i fannulloni”). L’idea dei filtri potrebbe, quindi, essere un’arma a doppio taglio, senza contare che i social network possono essere una soluzione alternativa per gli enti pubblici e le istituzioni con la quale comunicare e sentirsi più vicini ai cittadini (prendiamo l’esempio della Regione Puglia. (M.P. per NL)
 
printfriendly pdf button - Pubblica Amministrazione: il ministro Brunetta ne ha anche per Facebook negli uffici pubblici
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Pubblica Amministrazione: il ministro Brunetta ne ha anche per Facebook negli uffici pubblici

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO