Pubblicità: finita l’era del pay per click, arriva il pay per lead

Al convegno di Siseco a Roma, Roberto Lorenzetti illustra il futuro della promozione sul web. C’erano una volta il pay per click, in cui si pagava in base agli ingressi nel proprio sito internet, e il pay per le “impression” dei banner, sempre più evitati e odiati da chi naviga sul web.

Oggi il metodo più affidabile e con il miglior rapporto qualità prezzo per trovare potenziali clienti è il “pay per lead”, che permette di ricevere i contatti di chi ha cercato informazioni sulla propria azienda. Si paga ogni singolo contatto se in linea con quanto richiesto dal cliente. «Si tratta di una vera e propria rivoluzione – dice Roberto Lorenzetti, amministratore delegato di Siseco -. Nel resto d’Europa è già una realtà, per quanto riguarda l’Italia siamo all’inizio». Del nuovo modo di farsi conoscere si è parlato durante il convegno organizzato il 10 giugno da Siseco a Roma, incentrato proprio sulla “lead generation”.  Dice Roberto Lorenzetti, amministratore delegato di Siseco: «In un periodo di crisi come quello attuale non ci si può più permettere di restare a guardare o aspettare che sia il cliente a cercarci: bisogna andare a cercare chi può essere interessato ai nostri servizi. Ovviamente, più la ricerca è mirata, più i risultati saranno migliori. Per accelerare il business, oltre all’innovazione tecnologica, abbiamo voluto offrire soluzioni professionali e reali, ovvero più business».  In che modo? Siseco propone un processo in tre fasi.  Il primo step è il web to lead, ossia l’acquisizione di nuovi contatti dal proprio sito: un contatto si registra, chiede informazioni e magari un preventivo. In automatico, viene inserito nel sistema di Customer Relationship Management, in modo da essere catalogato e a disposizione. Un processo apparentemente semplice, che però nasconde molte difficoltà, soprattutto quanto ci si ritrova a gestire migliaia di contatti: cosa succede infatti se un contatto esiste già, oppure se è lo stesso che viene aggiornato con dati nuovi? Anziché creare un nuovo contatto, un buon sistema di CRM dev’essere in grado di riconoscerlo e di gestirlo, evitando doppioni e perdite di tempo. Viene azzonato, assegnato e creata un’opportunità. La seconda fase riguarda la generazione di nuovi lead. Fino a oggi c’erano il pay per click e il pay per impression dei banner, che però presentano dei limiti. Il pay per click conteggia gli ingressi al sito ed è uno strumento valido per portare traffico verso il proprio sito. Tuttavia ci sono due problemi: il primo è Google Adwards, una piattaforma ormai diventata molto complessa e altamente concorrenziale, che deve essere gestita da esperti; la seconda è la conversion rate del proprio sito, che richiede un aggiornamento continuo. Il pay per impression dei banner ha a sua volta due limiti: la cecità ai banner, ossia gli utenti non considerano i messaggi pubblicitari sulle pagine web e li evitano, e il basso tasso di conversione: un utente prima di effettuare un acquisto cerca informazioni, opinioni ed eventualmente offerte: il banner non offre niente di questo.  Il pay per lead sfrutta l’esperienza del personale marketing, dei motori di ricerca e della pubblicità on line, portando direttamente nel CRM nominativi di contatti commerciali profilati che hanno chiesto informazioni sui prodotti o servizi della propria azienda. Sono 20 milioni gli italiani e 300 milioni gli europei che cercano su Google e contattano le aziende che si posizionano nelle prime posizioni e che presentano i prodotti in maniera efficace. In questo modo si paga solo per i risultati ed il rapporto qualità prezzo è ottimo. Grazie al CRM si possono misurare i risultati, dando valore a ogni euro di costo commerciale. Oltre ad attendere i lead, ci si può affidare a un database serio e affidabile già “compreso” nel CRM di Siseco (terzo step), come quello di Guida Monaci, una delle aziende più antiche e affidabili d’Italia. Guida Monaci è un marchio riconosciuto a livello internazionale da 138 anni, che si autodefinisce infomediari: hanno un database selezionato, esclusivamente di qualità di b2b. Si tratta di 500mila anagrafiche verificate e complete anche con codice fiscale o partita iva, con indice di valutazione positivo (senza atti negativi di natura legale o giudiziale relativi al patrimonio finanziario).
printfriendly pdf button - Pubblicità: finita l’era del pay per click, arriva il pay per lead
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Pubblicità: finita l’era del pay per click, arriva il pay per lead

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO