Pubblicità, UK: gli investitori chiedono trasparenza

Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.

In Gran Bretagna, i grandi inserzionisti, 450 investitori organizzati nell’Isba vogliono sapere come viene speso il loro denaro: si parla di 10 miliardi di sterline. Il direttore generale dell’Isba, Debbie Morrison sostiene che non vi sia trasparenza nella relazione tra investitori, agenzie e media. “Ci sono vere e proprie fabbriche di clic”, dice Morrison, “computer programmati per cliccare sui nostri annunci pubblicitari. Non è affatto vero che dietro ogni clic ci sia un potenziale consumatore, un potenziale cliente”. Gli fa eco il Presidente Simon Litherland, che è anche il ceo del gruppo agroalimentare Britvic, (succhi, spremute e un insieme di marchi tra cui Lipton), che parla di denaro buttato al vento, perso tra campagne pubblicitarie, spot, pagine sui giornali e banner sui siti; peggio che nella famosa citazione di John Wanamaker. Non è l’unico motivo per cui protestano gli investitori inglesi, che in una fase stagnante delle vendite si sono decisi a verificare se i loro soldi vengano investiti correttamente o piuttosto vadano ad alimentare i profitti dei players. Si chiedono inoltre quanti milioni di sterline entrano nelle casse delle agenzie attraverso il meccanismo degli sconti. Non c’è trasparenza neanche in questo caso. Nessuna agenzia comunica al cliente l’ammontare degli sconti, solo il Daily Mail, lo scorso anno, ha dichiarato di aver versato 26 milioni alle concessionarie pubblicitarie sotto forma di sconti sul totale degli annunci acquistati. L’Isba ha reclutato una società di consulenza marketing per redigere un contratto tipo da adottare quando si affida il proprio budget a un’agenzia. Questo nuovo modello contrattuale prevede la possibilità per il cliente investitore, di indicare un controllore esterno per verificare l’efficacia concreta delle campagne. Il controllore potrà entrare nel merito dei singoli investimenti, delle singole campagne e dei singoli media allo scopo di misurare nel dettaglio il ritorno d’investimento in chiave commerciale. Il Presidente delle agenzie Paul Bainsfair, è intervenuto dicendo che si tratta di un contratto che tutela solo gli investitori e che le relazioni contrattuali tra agenzia e cliente dovrebbero essere gestite caso per caso, senza interventi esterni. (A.P. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Pubblicità, UK: gli investitori chiedono trasparenza

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL