Radio digitale, GB: ormai al DAB-T scrivono pure addosso

Dura vita per la radio digitale in Gran Bretagna (e non solo, a vedere quel che succede ovunque). E quando si parla male della radio numerica, di norma al centro del discroso c’è l’antico DAB-T Eureka 147.

"Dopo aver pubblicato ad agosto una guida "non-OFCOM" (il riferimento è ai dati piuttosto trionfalistici sull’andamento della radio digitale nel Regno Unito normalmente pubblicati dall’autorità di controllo britannica) ai progressi reali che la radio digitale ha maturato in questo ultimo anno in UK, Grant Goddard, blogger e consulente in materia è pronto a far esplodere il suo nuovo libro: "DAB Digital Radio: licensed to fail"". La pubblicazione non è ovviamente sfuggita all’amico Andrea Lawendel, giornalista e blogger che su Radio Passioni monitorizza il panorama tecnologico del medium elettrico più antico del pianeta e che così l’ha commentata. "Da sempre critico nei confronti della normativa che prevede (sulla carta) lo spegnimento dei network radiofonici in FM e il loro passaggio alla radio digitale a tecnologia Eureka 147, nel suo dettagliato lavoro Goddard sostiene che questo passaggio non avverrà mai proprio perché le soglie di penetrazione della tecnologia fissate come prerequisito di legge non sono compatibili con i dati di ascolto reali", osserva Lawendel. "La tesi di Goddard – continua l’esperto italiano – è che il DAB non è compatibile con un mercato misto come quello britannico, dove i costi infrastrutturali del digitale hanno già penalizzato oltremisura gli editori privati. Finora il sostegno apparente nei confronti del DAB da parte di questi editori è stato legato a precisi accordi con i regolatori, che in cambio del supporto ricevuto hanno reso meno stringenti le regole sulle licenze FM analogiche. Il nodo, conclude Goddard, sta tuttavia per venire al pettine: gli sprechi che si sono verificati in questi anni hanno fatto a pezzi un mercato, quello della radiofonia commerciale, che in passato era profittevole".  Questo il comunicato stampa del libro di Grant Goddard, pubblicato da Radio Books. Per leggerne le prime pagine cliccate qui.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radio digitale, GB: ormai al DAB-T scrivono pure addosso

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL