Radio digitale & Internet: tra pochi giorni sarà on-air Spreaker. E chi vorrà potrà essere produttore radio in modo professionale e gratuito

Del progetto Spreaker avevamo parlato pochi giorni fa su queste pagine, anticipando di come esso andasse a collocarsi nell’eterogeneo mondo della radio digitale integrata in internet, non solo come mezzo di distribuzione dei programmi.

Ora dell’interessante iniziativa, che sarà online dal 31 gennaio, si è interessato anche Andrea Lawendel, l’amico e infaticabile deus ex machina di Radio Passioni, che ha raccolto un’intervista con uno dei fondatori di Spreaker. "La società bolognese-riminese, inserita nell’ambito di We Tech Off, incubatore del consorzio emiliano Aster, nel novembre scorso si è classificata al primo posto dl Start2B, premio istituito nel corso degli R2Bdays, momento fieristico promosso dalla stessa Aster, da BolognaFIere e dalla regione. Adesso però il progetto è giunto in dirittura d’arrivo e il 31 gennaio partirà con una beta privata per la quale è possibile richiedere un invito visitando il sito Spreaker.com. Che cos’è Spreaker? E’ una piattaforma di radiofonia Web 2.0 che consente di costruire un proprio palinsesto radiofonico su Web ma serve soprattutto per "fare" radio. Il modello è ispirato a quello di Radionomy, 1000mikes, BlogTalkradio, TalkShoe, brand che i lettori di Radiopassioni conoscono già. djconsole - Radio digitale & Internet: tra pochi giorni sarà on-air Spreaker. E chi vorrà potrà essere produttore radio in modo professionale e gratuitoMa con un importante elemento di differenziazione. L’idea è di mettere a disposizione l’interfaccia Web (ma evidentemente è prevista anche una versione iPhone) di Spreaker, la Deejay Console, per registrare i contributi audio esterni. E non solo registrare, visto che Spreaker vuole rendere possibile anche la diffusione "live". Oltre al software Web-based per la regia, l’azienda ci mette tutto, la banda trasmissiva, persino i brani musicali i cui costi di licenza pesano solo sul provider. Tutti questi contributi andranno a costituire una libreria che darà agli ascoltatori su Internet la possibilità di fabbricare un palinsesto di contributi e programmi – i propri o quelli altrui – e cucirsi su misura una stazione radio online personalizzata. Daniele Cremonini, uno dei fondatori di Spreaker, parla di "radio libera sociale". Non a caso è prevista anche l’integrazione degli stream direttamente nei contenitori personali di Facebook. La società, costituita lo scorso novembre, si basa sull’esperienza di Daniele, Francesco Baschieri e altre quattro persone e sulle attività di un’altra azienda, Waymedia, specializzata in soluzioni di mobile marketing. Ecco la presentazione dell’iniziativa in occasione di R2Bdays:

Radiopassioni ha intervistato Daniele Cremonini via Skype, chiedendogli di spiegare le funzionalità della console di produzione e il modello di business di Spreaker. "La sostenibilità economica del progetto verrà infatti garantita dalla pubblicità – di stampo radiofonico, con veri e propri spot – e dagli accordi per la vendita diretta di prodotti e servizi di cui si parlerà nelle diverse "radio". Per esempio un programma con la recensione di libri o film potrebbe puntare al sito di una libreria online, che dividerebbe con Spreaker le commissioni di acquisto. L’obiettivo di questa prima fase di lancio è di raggiungere, entro fine febbraio, almeno un migliaio di utenti registrati e un certo numero di produttori-conduttori radiofonici do-it-yourself. Il gruppo non nasconde le sue ambizioni internazionali e intende consolidare entro l’anno la sua presenza nel Regno Unito e negli Stati Uniti. La piattaforma di Spreaker può diventare un’ottima palestra di formazione di nuovi talenti. Daniele mi conferma che il tipo di contenuto che la nuova radio collettiva online intende promuovere è più "parlato" che musicale, quindi se vi sembra di avere qualcosa di interessante da dire, fateci un pensiero. La Deejay Console conterrà tutto il necessario per la regia e la messa a punto dei contributi, incluso l’accesso ai brani musicali acquistati da Spreaker e gli effetti speciali. Tutto questo non taglia fuori le vocazioni più propriamente acustiche: i canali di Spreaker sono aperti anche a cantanti e band che vogliano far conoscere i loro repertori".
printfriendly pdf button - Radio digitale & Internet: tra pochi giorni sarà on-air Spreaker. E chi vorrà potrà essere produttore radio in modo professionale e gratuito