Radio, Russia: tolte le frequenze a Radio Liberty (Europa Libera), licenziati 40 giornalisti. Trasmetteva dal 1953

Radio Europa Libera non lascera’ la Russia anche dopo la chiusura delle sue trasmissioni radio, dopo l’entrata in vigore della nuova legge che indebolisce le organizzazioni non governative che ricevono finanziamenti dall’estero e che quindi le sottrae l’uso delle frequenze dal prossimo dieci novembre e il successivo licenziamento di decine di giornalisti.

"Non rinunciamo al nostro impegno che e’ quello di assicurarvi la prospettiva unica della copertura delle notizie e degli eventi di Svoboda (il nome in russo, ndr) in Russia", ha spiegato il presidente di Radio Free Europe/Radio Liberty, Steve Korn precisando che l’emittente, che trasmetteva in Russia dal 1953, grazie a finanziamenti del governo americano, si concentrera’ adesso su piattaforme digitali, incluso il web e i telefonini, e sui contenuti on demand. A dirigere le nuove iniziative e’ stata chiamata la scrittrice e giornalista Masha Gessen, autrice della biografia di Putin "L’uomo senza volto" e da poco licenziata dalla rivista di divulgazione della scienza Vikgrug Sveta per non aver voluto inviare un giornalista a coprire il volo con le gru di Putin (che l’ha poi invitata al Cremlino). Gessen promette un "giornalismo normale"…"non polemico, come i media dell’opposizione, non controllato dal Cremlino". (Adnkronos)
 
 
printfriendly pdf button - Radio, Russia: tolte le frequenze a Radio Liberty (Europa Libera), licenziati 40 giornalisti. Trasmetteva dal 1953
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Radio, Russia: tolte le frequenze a Radio Liberty (Europa Libera), licenziati 40 giornalisti. Trasmetteva dal 1953

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL