Radiotelevisione, Svizzera: rapporto annuale 2009

"Oltre all’incertezza economica, anche lo sviluppo delle tecnologie e gli annessi cambiamenti strutturali tengono i settori delle telecomunicazioni e della radiotelevisione con il fiato sospeso".

Inizia così la presentazione del rapporto annuale del regolatore svizzero dello comunicazioni Ufcom. "L’Ufcom è chiamato a creare solide basi per rispondere alle sfide tecnologiche; può farlo attraverso procedure formali – ad es. attività normativa, pianificazione, rilascio di concessioni – oppure nell’ambito di incontri informali e gruppi di lavoro. Abbiamo ad esempio organizzato diversi gruppi di lavoro per avviare, di concerto con l’industria, un processo di standardizzazione per l’introduzione del FTTH (Fiber to the Home): gli standard decisi dovrebbero facilitare i lavori e promuovere in futuro la concorrenza. Di nuove tecnologie e cambiamenti del mercato si occupa anche un rapporto attualmente in fase di stesura presso il nostro Ufficio. Il Consiglio federale informerà per questo tramite il Parlamento circa sviluppi e possibilità di intervento nel settore delle telecomunicazioni". Continua la nota dell’organismo pubblico elvetico: "L’evoluzione tecnologica non si arresta nemmeno di fronte a regole introdotte già da tempo e ormai ben consolidate come quelle relative ai canoni di ricezione radiotelevisiva. Oggigiorno per esempio non si può più dire con certezza quali apparecchi di ricezione sottostiano all’obbligo di pagamento del canone: i segnali digitali possono essere, infatti, visti e ascoltati praticamente attraverso qualsiasi computer e l’Iphone ha trasformato il telefono cellulare in una vera e propria piattaforma digitale. Sono tante le domande e noi elaboriamo possibili risposte, discusse poi all’interno del dibattito politico per verificarne adeguatezza e fattibilità. E proprio l’interesse della politica per i temi dei media e delle telecomunicazioni è sempre fortissimo, come dimostrano gli 82 interventi parlamentari presentati nell’anno appena trascorso, le cui risposte sono state preparate dall’UFCOM e sottoposte al Consiglio federale", conclude il direttore Martin Dumermuth.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Radiotelevisione, Svizzera: rapporto annuale 2009

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL