RAI: al via le trasmissioni sperimentali radiofoniche digitali

Il 1° febbraio la Rai avviera’, da alcuni impianti RAI Way distribuiti sul territorio, la diffusione sperimentale di programmi radiofonici nello standard T-DMB


da Radio Passioni

(Adnkronos)

L’iniziativa, infroma una nota dell’azienda, si inquadra negli impegni di sviluppo e innovazione tecnologica assunti dalla RAI nell’ambito del contratto di servizio con il Ministero delle Comunicazioni, ha lo scopo di verificare le potenzialita’ di questo nuovo standard e le modalita’ di fruibilita’ da parte del pubblico che potra’ ricevere segnali audio, video e dati di alta qualita’ con ricevitori tascabili di prezzo contenuto.

Il T-DMB puo’ essere ricevuto dai seguenti impianti :

Andrate 12B Piemonte, TO
Bra 12B Piemonte, CN
Torino E. 12B Piemonte, TO
Milano 12B Lombardia, MI
V. Venosta 12A A. Adige, BZ
Bolzano M. 12A A. Adige, BZ
C. di Trens 12A A. Adige, BZ
Plose 12A A. Adige, BZ
S.C. di Fie´ 12A A. Adige, BZ
Plan Corones 12A A. Adige, BZ
Rav. di Trento 12A Trentino, TN
Ve. Campalto 12D Veneto, VE
Pordenone C. 12A Friuli-Venezia Giulia
Bologna C. B. 12A Emilia, BO
Poggio Pratolino 12B Toscana, FI
Monte Pellegrino 12C Sicilia, PA
Capo D’Orlando 12C Sicilia, ME
Capo Milazzo 12C Sicilia, ME

printfriendly pdf button - RAI: al via le trasmissioni sperimentali radiofoniche digitali
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - RAI: al via le trasmissioni sperimentali radiofoniche digitali

Lifegate, Roveda: siamo l’opposto di una radio commerciale. Ma non siamo comunitari

IN ARRIVO