RAI, FNSI: caso Ruffini è dito nella piaga di azienda che non funziona con criteri rispettosi di buon andamento di gestione

La Federazione Nazionale della Stampa Italiana comunica: “Non fosse stato che la questione era troppo seria e che il disastro era annunciato, e per questo da noi subito denunciato, avremmo potuto dire che la gattina frettolosa ha fatto i mici ciechi".

"Un giudice per fortuna c’è (e non solo a Berlino) tanto che oggi con la sua sentenza, sul caso Paolo Ruffini, ha messo il dito sulla piaga di una azienda che non funziona con criteri rispettosi del buon andamento di gestione", continua la FNSI. "In una azienda normale, infatti, Paolo Ruffini non sarebbe stato rimosso ingiustamente, come è stato, né avrebbe dovuto aspettare un giudice per essere reintegrato. Una vera azienda tende a valorizzare ed impiegare al meglio le proprie risorse professionali, non cerca di mettere in contrapposizione, come hanno tentato di fare in questo caso, due eccellenti professionisti, come Paolo Ruffini ed Antonio Di Bella. Quando si vìolano le regole per interessi particolari, come hanno evidenziato le intercettazioni relative alle indagini della magistratura di Trani, si può finire facilmente fuori dai binari”.
 
printfriendly pdf button - RAI, FNSI: caso Ruffini è dito nella piaga di azienda che non funziona con criteri rispettosi di buon andamento di gestione
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - RAI, FNSI: caso Ruffini è dito nella piaga di azienda che non funziona con criteri rispettosi di buon andamento di gestione

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL