RTv. Confindustria in audizione in Commissione vigilanza: ”Servono azioni concrete contro evasione”

«Lo schema di Contratto di Servizio attualmente all’esame della Commissione costituisce un punto di avanzamento e di snodo in direzione della nuova concessione, da cui emergono diversi elementi meritevoli di attenzione».

E’ questa l’opinione del presidente di Confindustria Radio Televisioni, Rodolfo De Laurentiis, in audizione in Commissione di Vigilanza Rai, che ha individuato quali fattori salienti: «il nuovo assetto della comunicazione commerciale sui canali tematici offerti ai minori dalla concessionaria pubblica; gli specifici vincoli in materia di quote di produzione nel cinema/fiction pari al 15% (inalterati malgrado la sfavorevole congiuntura economica) che, insieme ai significativi investimenti degli altri protagonisti di mercato, garantiscono vitalità all’intero comparto». «Occorre tuttavia – ha puntualizzato De Laurentiis – definire azioni concrete di contrasto all’evasione del canone per garantire efficienza al servizio pubblico, guardando anche ai risultati raggiunti in altri Paesi europei. A questo proposito dobbiamo rilevare che il recente tentativo di recupero di risorse pubbliche a sostegno del sistema televisivo locale (oggi impegnato in una vera e propria lotta per la sopravvivenza) attraverso l’inserimento nel canone, non può rappresentare un approccio strutturale. Riteniamo piuttosto necessario pensare ad un provvedimento quadro di politica industriale che investa nel comparto per superare la problematica qualitativa e dimensionale che lo affligge». «Il nuovo quadro – ha detto ancora De Laurentiis – richiede il superamento, di regole (e di asimmetrie) basate su presupposti risalenti a quando la televisione era «l’unico schermo» capace di veicolare immagini nelle case degli spettatori, la radio l’unica fonte sonora: oggi smartphone, PC, tablet, consolle si aggiungono alla visione domestica e in mobilità, incidendo sui diritti, i target, le risorse. Solo così si potrà effettivamente parlare di un level playing field, di un (comune) livellato campo di gara. È quindi auspicabile che venga adottato l’approccio in cui i principi di neutralità tecnologica della Rete e di parità delle condizioni concorrenziali mantengano centralità nella definizione delle politiche, anche regolatorie», ha concluso l’esponente Confindustria. (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - RTv. Confindustria in audizione in Commissione vigilanza: ''Servono azioni concrete contro evasione''
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - RTv. Confindustria in audizione in Commissione vigilanza: ''Servono azioni concrete contro evasione''

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL