Towering. Sindacati scrivono a Governo, Vigilanza, Corte dei Conti, Consob e Agcom su caso RAIWAY

Slc Cgil, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, Snater e Libersind ConfSal, dopo la protesta organizzata contro le scelte del Governo sul prelievo forzoso di una parte del canone Rai (150 milioni) e la conseguente quanto obbligata, messa in vendita della rete trasmittente del servizio pubblico, hanno avviato iniziative politico-giuridiche.

Nel merito, gli enti esponenziali hanno inviato a Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero dello Sviluppo Economico, Commissione di Vigilanza Rai, Corte dei Conti, CONSOB, Borsa Italiana, AGCOM e AGCM, una lettera in cui denunciano la modalità, a loro avviso illegittima, con cui si sta procedendo alla quotazione in borsa e alla vendita di parte della società Rai Way, società del gruppo Rai che ha la proprietà degli impianti trasmittenti del servizio pubblico radio televisivo. La forte denuncia dei sindacati Rai, "nasce dalla preoccupazione che una preziosa infrastruttura pubblica, strumento che garantisce l’emissione della TV e della Radio di Stato, utilizzata anche dalle forze dell’ordine e dal Viminale, esca dall’effettivo controllo pubblico. Un progetto realizzato in tutta fretta che, nella sua effettuazione, con ogni evidenza presenta espliciti contrasti con le norme di legge vigenti. A ciò si aggiunge la preoccupazione per gli effetti che potrebbe produrre sulla concessione di servizio pubblico (da definirsi entro il 2016) per l’assetto industriale della più grande azienda culturale del paese e per la questione occupazionale". La denuncia arriva mentre la proposta di quotazione in borsa e vendita parziale della società è ferma, per una valutazione di legittimità, presso la CONSOB. I sindacati vorrebbero che tale procedura fosse valutata, oltre che sotto il profilo di legittimità, anche sotto l’aspetto economico, nell’interesse generale del paese, cittadini e lavoratori. Il calce il testo della nota inviata agli organi predetti. (E.G. per NL)
 
SLC – CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione
UILCOM – UIL Unione Italiana della Comunicazioni
UGL – Telecomunicazioni Unione Generale Lavoro – Telecomunicazioni
SNATER Sindacato Nazionale Autonomo Telecomunicazioni e Radiotelevisioni
LIBERSIND. CONF. SAL Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori
_______________________________________________________________________
Roma, 22 Settembre 2014
 
Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Alla Ministra dello Sviluppo Economico
Al Presidente della Corte dei Conti
Al Presidente della CONSOB
Al Presidente della Borsa Italiana
Al Presidente della Commissione parlamentare per l’indirizzo e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi
Al Presidente dell’AGCOM
Al Presidente del AGCM
 
Oggetto: quotazione sui mercati regolamentati di quote della partecipazione azionaria di Rai S.p.A. in RaiWay S.p.A.
 
L’informazione pubblica assicura che gli interessi delle diverse formazioni sociali abbiano uguale spazio mediatico e concorre, dunque, a rendere effettiva la “partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (art.3,c.2 Cost.).
Slc Cgil, Uilcom Uil, Ugl Telecomunicazioni, Snater e Libersind-ConfSal avendo appreso da notizie di stampa che, in data 4 settembre 2014, il Consiglio di Amministrazione di Rai S.p.A., concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo in base alla legge (D. Lgs. N. 177/05, art. 49), avrebbe approvato la proposta del Direttore Generale Gubitosi di cedere sui mercati regolamentati, mediante quotazione del titolo, quote di partecipazione minoritaria del compendio azionario nella controllata Rai Way, intende segnalare alle Autorità in indirizzo che la procedura seguita dalla RAI non sembra, allo stato delle informazioni acquisibili sui siti istituzionali, conforme alla normativa vigente.
L’iniziativa della RAI che procede dal DL. n. 66/2014 conv in L. n. 89/2014 il quale, nell’autorizzare la cessione sul mercato, di quote di RaiWay, prevede che le modalità di alienazione siano individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (ancora in fase di registrazione presso la Corte dei Conti) e nell’osservanza delle leggi vigenti.
La RAI sembra, invece, abbia avviato speditamente l’operazione di quotazione di Rai Way senza attendere il perfezionamento di detto decreto e, soprattutto con superficiale valutazione delle norme vigenti.
 
1.La RAI è organismo di diritto pubblico.
Le peculiarità societarie, come ripetutamente affermato dalla Corte di Cassazione (cfr. n. 27092/2009), rendono la RAI organismo di diritto pubblico, soggetto, pertanto, alla giurisdizione della Corte dei Conti. Il bene protetto dalla RAI: l’informazione pubblica, infatti, mal si concilia con gli assetti societari della impresa pubblica (come Eni o Enel). La copertura integrale del territorio e le infrastrutture per la trasmissione radiotelevisiva digitale, sono assicurate dalla controllata Rai Way, come prevede l’art. 1, c. 5 della Convenzione approvata con D.P.R. 28 marzo 1994. Pertanto, Rai way essendo a totale partecipazione pubblica e destinando unicamente a RAI i suoi servizi, è tenuta all’osservanza, delle norme previste per la RAI, anche in relazione alle modifiche del capitale azionario.
 
2. La procedura prevista dalle leggi vigenti per le modifiche del capitale azionario.
Le norme sono in proposito assai chiare e sono in particolare dettate dalla L. n.112/2004 ancora vigenti, non essendo state abrogate dal recente Dl. n.66/2014, conv. in L. n.89/2014. L’alienazione di quote azionarie deve avvenire “mediante offerta pubblica di vendita” (art.21 c.3) nel rispetto delle deliberazioni del CIPE e della clausola di limitazione del possesso azionario che prevede un “limite massimo del possesso dell’uno per cento delle azioni”. Inoltre non sono possibili ”patti di sindacato o di blocco” (art.21 c.5 della L. n.112/2004).
 
I vincoli di legge, di Convenzione e di Contratto di Servizio, si applicano sia a RAI sia Raiway. Gli investitori dovranno essere correttamente informati dei ristretti limiti di azione degli amministratori della controllata Rai Way, ai quali è consentito lo svolgimento di attività commerciali ed editoriali, connesse alla diffusione di immagini, suoni e dati, nonché di altre attività correlate, purché esse non risultino di pregiudizio al migliore svolgimento dei pubblici servizi concessi e concorrano alla equilibrata gestione aziendale. 
 
Adeguata informazione dovrà essere data agli investitori circa le norme che impongono a Rai Way e a alla Rai la contabilità separata e vietano la osmosi tra risorse pubbliche e private. Le risorse pubbliche non potranno essere utilizzate per lo sviluppo della società e l’incremento di valore del titolo.
 
L’operazione di recente approvata dal Consiglio di Amministrazione di Rai sembra non conforme al quadro normativo di settore.
 
Alle Autorità in indirizzo spetta il compito di sorvegliare che l’iniziativa di quotazione di Rai Way avvenga nel più rigoroso rispetto delle norme vigenti, a tutela degli utenti del servizio pubblico radiotelevisivo e del diritto all’informazione.
In particolare spetta alla Consob interrompere, ove ne sussistano i presupposti, il procedimento di autorizzazione del prospetto di ammissione a quotazione; alla Borsa Italiana l’applicazione delle norme sullo svolgimento delle operazioni delle negoziazioni delle società quotate; alla Corte dei Conti il controllo sugli atti del Governo e del Consiglio di amministrazione della RAI.
 
Certi della Vostra attenzione per i temi su riportati, Vi porgiamo cordiali saluti.
 
I Segretari Generali
 
Slc Cgil Uilcom Uil Ugl Telecomunicazioni Snater Libersind-ConFsal
printfriendly pdf button - Towering. Sindacati scrivono a Governo, Vigilanza, Corte dei Conti, Consob e Agcom su caso RAIWAY