Tv. Gennaio, aria di cambiamenti: rebranding Mtv e addio Gazzetta Tv. Nuove strategie Sky e Viacom

Dall’8 gennaio ha preso vita il nuovo restyling del logo di Mtv8: Sky, dopo aver acquisito il canale poco meno di sette mesi fa, ha deciso di rivoluzionarne i contenuti puntando ad una vera e propria svolta generalista, assieme al rebranding del nome stesso (è visibile da molti giorni, ormai, il numero 8 del logo che ha assunto dimensioni maggiori rispetto al nome stesso “Mtv” che faceva riferimento alla storica caratterizzazione musicale dell’emittente).

Aria di cambiamenti, poi, anche per Laeffe (LCN 50), canale del gruppo Feltrinelli (ma sinergicamente unita con Repubblica per i notiziari, dopo la fine di Repubblica Tv, sempre sul 50) che fatica ancora a macinare, con deludenti risultati economici e d’ascolto. A parte l’intesa con Scripps Networks per la promozione associata con Fine Living (canale 49) che potrebbe portare ad interessanti sviluppi, vi sarebbero nell’aria anche contatti con Sky e Viacom: il gruppo Murdoch potrebbe portare il suo Sky Tg24 alla posizione LCN 50 (dall’attuale 27) dove ora trasmette Laeffe, mentre al 27 (dove si trova ora l’All News) troverebbe spazio una nuova rete generalista Viacom, che potrebbe addirittura svilupparsi sulla base dell’attuale Mtv Next (ora solo su Sky al 133), che ha ereditato tutto il bagaglio musicale della storica Mtv, ora Mtv8. Del resto la posizione 50 per una rete di notizie non ha solo ha una sua sintomatica attrattiva (è sicuramente una numerazione facilmente memorizzabile) ma è coerente con la presenza vicina di Rai News e Tgcom 24 di Mediaset. Da tempo si respirava la chiusura di Gazzetta Tv (canale 59), forse per questo non si può parlare di vera e propria novità: dopo i suoi deludenti risultati d’ascolto, al suo posto fa la sua ricomparsa Split Tv di De Agostini, che costituì un breve passaggio di interconnessione fra la precedente Lottomatica Tv (prima ancora Poker Italia 24) e Gazzetta Tv, meno di un anno fa. Split Tv attualmente prosegue con la sua programmazione sportiva con i prodotti firmati Pitch Production International. Prima di interrompere le trasmissioni il canale de “La Gazzetta dello Sport” ha deciso di ringraziare il suo pubblico televisivo e tutti coloro che hanno collaborato al progetto con un comunicato: “Le 7 del 26 febbraio 2015 e le 2.11 del 6 gennaio 2016: 10 mesi e 10 giorni. Tanto sono durate sul canale 59 del digitale terrestre le trasmissioni di GazzettaTv, che ha concluso i programmi nella notte, nell’ambito delle indicazioni contenute nel piano industriale di Rcs Mediagroup, che prevede razionalizzazioni all’interno delle attività del gruppo. Parte della programmazione continuerà a essere presente sul sito Gazzetta.it e sulle sue versioni mobile. Grazie a tutti coloro che in questi mesi hanno seguito con attenzione e apprezzamento il canale, realizzato con il contributo e la passione della redazione della Gazzetta dello Sport e di tutti i professionisti di Rcs”. (S.F. per NL)
printfriendly pdf button - Tv. Gennaio, aria di cambiamenti: rebranding Mtv e addio Gazzetta Tv. Nuove strategie Sky e Viacom