Tv. L’affare La7? Frutta stipendi da record ai vertici di Cairo Communication

L’accordo chiuso agli inizi di marzo 2013 con Telecom Italia ha portato bene a Urbano Cairo, che si riempie le tasche con uno stipendio stabile a 1,021 mln di euro in qualità di presidente (senza contare i dividendi di azionista al 72,92% della società Cairo editore).

Ma l’imprenditore torinese non si dimentica dell’operato dei suoi manager di spicco (del resto, i lettori ricorderanno che lo stesso hanno fatto i vertici di gruppi in affanno, come Mediaset, Caltagirone Editore e L’Espresso), visto che ha premiato Uberto Fornara, ceo della concessionaria pubblicitaria, con una busta paga in crescita del 35% rispetto al 2012, attestata a quota 789 mila euro (comprensivi di 300 mila euro di bonus), e, addirittura, ha raddoppiato la retribuzione per l’anno 2013 a Marco Pompiglioni, direttore dell’amministrazione della finanza e del controllo di gestione (+122% rispetto al 2012, arriva a 909 mila euro). Sembrerebbe dunque che l’acquisto di La7 si stia rivelando un vero e proprio successo: mettendo infatti a confronto l’ultimo trimestre 2013 (gestione Cairo) con quello 2012 (gestione Telecom) si notano una crescita del 6,8% dei ricavi e una diminuzione dei costi della produzione e del personale, attestati rispettivamente a -39,6% e -18%. Il margine operativo lordo è stato positivo per 3,1 mln e il risultato operativo si registra pari a 2,2 milioni. L’andamento dei ricavi pubblicitari ha registrato un miglioramento dal mese di giugno; in particolare nel quarto trimestre 2013 la raccolta sui canali La7 e La7d (48,4 milioni di euro) è cresciuta del 6,5% rispetto al trimestre analogo del 2012, con una positiva inversione di tendenza confrontata con l’andamento dei primi 5 mesi dell’esercizio. Relativamente a La7, nel 2013 gli ascolti hanno registrato un +11,3% durante il giorno e una crescita del 23,2% in prime time; quelli di La7d sono cresciuti del 24,4%. Sul fronte periodici, i risultati diffusionali sono stati sostanzialmente in linea con il 2012. Ultimo aspetto da sottolineare è l’aumento del personale di Cairo Communication che da maggio 2013 è salito a quota 730 unità, con una percentuale di incremento pari a +150% (il gruppo si è ritrovato un totale di 428 assunzioni provenienti da La7, di cui 9 dirigenti, 63 quadri e 101 giornalisti). Per il 2014, la società di Urbano Cairo, proprietario anche del Torino Football Club, continuerà a perseguire lo sviluppo dei suoi tradizionali settori di attività (editoria periodica e raccolta pubblicitaria) per i quali considera realizzabile l’obiettivo di ottenere risultati gestionali positivi proponendo un forte contenimento dei costi – che non dovrà andare a scapito della qualità di programmi e contenuti -. (V.R. per NL)
 
printfriendly pdf button - Tv. L’affare La7? Frutta stipendi da record ai vertici di Cairo Communication
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tv. L’affare La7? Frutta stipendi da record ai vertici di Cairo Communication

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL