Tv locali: crisi per la torinese Telestudio, che però per ora non chiude

Telestudio, la storica emittente televisiva di Torino nata nel 1976 non chiude e tramite il suo editore Giuseppe Barbieri smentisce con una nota la notizia apparsa l’altro giorno su La Repubblica che parla della fine delle trasmissioni.

La proprietà ammette le difficoltà del settore, penalizzato dal passaggio al digitale per gli investimenti che si sono dovuti affrontare, ma precisa che continuerà a trasmettere regolarmente. "Le difficoltà di questa particolare congiuntura economica – dichiara Barberi – sono innegabili, e il nostro settore soffre particolarmente per l’abbandono da parte del Governo. La decisione di espropriare le tv locali dei canali dal 61 al 69 per riservarli ai servizi di telefonia mobile, ha portato nelle casse dello stato quasi 4 miliardi di euro. Ma, nel contempo, gli indennizzi per le tv locali, che negli ultimi due anni hanno dovuto sostenere ingenti investimenti per l’adeguamento al digitale terrestre, sono passati da 400 milioni a 176 milioni di euro, cifra assolutamente insufficiente a ripagare gli investimenti fatti. La nostra volontà comunque è certamente quella di continuare a fare televisione e di essere la voce di un territorio ricco e produttivo come quello piemontese”. (R.R. per NL)
 
 
printfriendly pdf button - Tv locali: crisi per la torinese Telestudio, che però per ora non chiude
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Tv locali: crisi per la torinese Telestudio, che però per ora non chiude

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL