Tv locali, Marche: emergenza continua a Ètv. I lavoratori annunciano 5 giorni di sciopero

20102020, 19102020, 02102020, 28092020, 23092020, 21092020, 10092020, 07092020, 04092020, 31082020, 25082020, 07072020, 17062020, 12062020, 01062020, 20502020, 20052020, 15052020, 14052020, 13052020, 05052020, 30042020, 28042020, 22042020, 21042020, 20042020, 09042020, 03042020, 02042020, 31032020, 24032020, 23032020, 19032020, 18032020, 16032020, 13032020, 09032020, 05032020, 03032020, 28022020, 24022020, 17022020,13022020, 10022020, 05022020,16102020, 15012020, 10012020, 07012020, 17122019, 06122019, 04122019, 07102019, 03092019, 30082019. 26082019, 29072019, 23072019, 17072019, 01072019, 27062019, 26062019, 14062019, 12062019, 07062019, IES, 24052019, 22052019, 20052019, 13052019, 10052019, 08052019, 07052019, 02052019, 29042019, 23042019, 05042019, 01042019, 29032019, 28032019, 22032019, 21032019, 19032019, 18032019, 13032019, 05032019, 01032019, 25022019, 01022019, 21012019, 11012019, 07012019, 04012019
"È emergenza continua a Ètv Marche", dichiara la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI) che informa che ieri, ad Ancona, "si è riunita l’assemblea dei dipendenti di Canale Marche Srl, proprietaria dell’emittente. E i lavoratori non hanno potuto far altro che prendere atto delle gravi pendenze economiche ancora non evase dall’azienda".

«Tale realtà – si legge in una nota congiunta di Sigim e Fistel Cisl – genera sempre più incertezza in un momento in cui, vista la situazione obiettiva di estrema gravità del nostro territorio, invece ci sarebbe bisogno del massimo sostegno della proprietà e della dirigenza per continuare ad informare correttamente i cittadini marchigiani». Date le condizioni, lo stato di agitazione già proclamato negli ultimi mesi proseguirà dunque fino a quando il contesto aziendale non sarà tornato normale. «L’azienda – spiegano le sigle sindacali – ha provveduto solamente a saldare la parte residuale dello stipendio di novembre, più un piccolo acconto sulle spettanze di dicembre». Preso atto di tutto ciò, l’assemblea ha votato all’unanimità un pacchetto di 5 giorni di sciopero, consegnato alle rappresentanze sindacali a sostegno di precise richieste: il saldo di tutte le spettanze (la restante parte di dicembre più la tredicesima) entro il 31 gennaio e un immediato confronto con la proprietà, l’amministrazione e la dirigenza della testata «per avviare – conclude la nota dei sindacati regionali – un percorso normale di vita aziendale, la cui mancanza mina ogni giorno di più le potenzialità di ÈTv Marche». (E.G. per NL)
printfriendly pdf button - Tv locali, Marche: emergenza continua a Ètv. I lavoratori annunciano 5 giorni di sciopero