Tv, pay. Canal+ sarà salvata? Forse dall’Antitrust

In un’intervista a Les Echos Vincent Bolloré delinea le idee per salvare le pay tv di Vivendi; interrogato sulle voci riguardanti un’unione con Havas il tycoon non esclude questa possibilità.

Non solo Canal+ è salvabile, ma “sarà salvata”; a dirlo è il numero uno di Vivendi (società che controlla Canal+) Vincent Bolloré in un’intervista rilasciata per Les Echos, il principale quotidiano economico francese. La pay tv d’oltralpe vede i suoi conti in rosso ormai da quattro anni e, vista la prossima unione con Mediaset Premium, anche lei in deficit, necessiterà di un ottimo progetto per rimanere a galla. E così, nella sua intervista, il tycoon bretone fa sapere che la nuova strategia punterà in primis sull’accordo per distribuire in esclusiva BeIN Sport; purtroppo però, l’accordo deve ancora attendere l’ok dell’Antitrust e buona parte della strategia illustrata da Bolloré consiste proprio nel ridurre i contenuti sportivi trasmessi in chiaro per attirare nuovi abbonati. Dopotutto, è lo stesso imprenditore ad affermare che la ripresa di Canal+ sarà possibile “fatti salvi gli accordi previsti e i risparmi necessari”. Infine, Bolloré tocca anche l’argomento Havas, concessionaria pubblicitaria guidata da suo figlio Yannick e di cui sempre Vincent è il maggiore azionista; durante la chiacchierata con Les Echos, il bretone afferma che “un giorno ci sarà qualcosa tra Vivendi e Havas”, mantenendosi volutamente sul vago a causa della polemica sul conflitto di interessi esplosa in Francia. Infatti, già il mese scorso, quando l’idea era solo una vaga indiscrezione, il numero uno di WPP (il principale concorrente) sosteneva come l’eccessiva vicinanza fra Havas e Vivendi sarebbe stato un problema per il mercato pubblicitario francese. Il motivo è che sarebbe un possibile ostacolo alla neutralità della concessionaria, che raccoglie la pubblicità non solo per tutte le reti Vivendi, ma anche per diversi suoi concorrenti. A sentire le strategie progettate, sembra quasi che i piani per risollevare le attività di Vivendi dipendano più dall’Antitrust che non dalle idee di Bolloré. (E.V. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Tv, pay. Canal+ sarà salvata? Forse dall’Antitrust

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL