Home Radio e TV Tv. Ricci, patron di Striscia, vorrebbe lanciare nuovi programmi. Ma Mediaset rimane...

Tv. Ricci, patron di Striscia, vorrebbe lanciare nuovi programmi. Ma Mediaset rimane fredda

È proprio vero che chi ha non apprezza. Questo sembrerebbe essere il caso di Mediaset, Il maggiori broadcaster televisivo italiano, che starebbe facendo le orecchie da mercante alle nuove proposte presentate da Antonio Ricci, patron del programma “Striscia la Notizia”.
Come riportato dal quotidiano Italia Oggi, l’ideatore del giornale satirico, che va in onda dal lunedì al sabato in access prime time, avrebbe in serbo tante idee per arricchire il palinsesto del noto operatore televisivo privato di Berlusconi: “Noi di Striscia la Notizia possiamo fare un sacco di programmi settimanali da 30 minuti, una sorta di estensione di alcune delle rubriche di maggiore successo. Per esempio, un programma satirico sul calcio tratto da ‘Striscia lo striscione’ di Cristiano Militello, uno di gossip tipo ‘Spetteguless’, uno sul mondo degli animali ispirato a ‘Il fratello degli animali’ di Edoardo Stoppa, una trasmissione sull’ambiente come ‘Paesi e paesaggi’ di Davide Rampello, o su futuro, idee e tecnologie, del tipo di ‘Occhio al futuro’ di Cristina Gabetti”. Tantissimi, dunque, sarebbero gli spunti che Antonio Ricci avrebbe pensato per rimpolpare la programmazione di Mediaset. Dal canto suo, però, la rete che fa da casa al telegiornale satirico sembrerebbe non cogliere le potenzialità di queste nuove trasmissioni.

Per ora, almeno, tutto sembrerebbe essere fermo. Di fronte a questa situazione di stallo, Ricci mostra un filo di delusione: “Non mi capacito del fatto che ora non si stia facendo nulla. In un momento di grande crisi dei budget televisivi non ci è stato chiesto niente. Abbiamo solo messo a punto una edizione de ‘I nuovi mostri’, declinata al femminile, su La 5. Ho anche provato a pensare in maniera concreta a quante di queste trasmissioni potrei realizzare con la mia squadra: diciamo al massimo due o tre all’anno”.
In attesa di ricevere un riscontro da parte del gruppo di Cologno Monzese, il patron di Striscia non esclude comunque la possibilità di proporre tutte queste novità anche ad altri operatori della tv. (G.S. per NL)