Tv. Stop MediaForEurope. Tribunale di Madrid dà ragione a Vivendi. Mediaset: grave danno a sviluppo sistema tv europeo. Ma ripartiremo su altre basi

Madrid

La Corte suprema di giustizia di Madrid ha respinto il ricorso di Mediaset Espana confermando la sospensione cautelare dell’operazione MediaForEurope, accogliendo le tesi di Vivendi
Ricordiamo che l’autorità giudiziaria spagnola aveva già dato lo stop al progetto MFE a ottobre 2019 e nulla sono valsi i correttivi allo statuto della holding olandese per addivenire alla fusione tra Mediaset e Mediaset Espana.

Danno grave agli azionisti e a tutti il sistema tv europeo

Durissima la reazione del Biscione, che in un comunicato ha bollato la decisione come foriera di “un grave danno a Mediaset, alla controllata spagnola Mediaset Espana, a tutti gli azionisti delle due società oltre che a tutto il sistema televisivo europeo“.

¡No pasarán!

“Ma poiché la nascita di nuovo broadcaster paneuropeo è oggettivamente resa sempre più
indispensabile dal nuovo scenario economico, Mediaset ripresenterà al più presto su nuove basi l’operazione MFE-MediaForEurope”, continua la nota.

Tentativo Vivendi strumentale

D’altra parte, che il tentativo di Vivendi di bloccare la strada all’unione delle forze di importanti player tv internazionali fosse puramente strumentale è noto a tutti. Un tentativo che non si è fermato nemmeno dopo l’emergenza sanitaria che ha gravemente colpito il settore televisivo europeo. Uno stop da cui le aziende avrebbero voluto reagire ripartendo subito grazie allo slancio di MFEMediaForEurope.

Ripresa post Covid sarà ora più difficile

E invece è stato perso tempo prezioso per la sequenza di ricorsi e appelli lanciati da Vivendi subito dopo il tentativo di scalata a Mediaset avvenuto nel dicembre 2016. Una strada che persino l’ultima sentenza Tribunale di Milano (28 maggio 2020) ha giudicato effetto di un interesse concorrenziale teso a bloccare il progetto europeo di Mediaset di cui, viceversa, la Corte ha pienamente riconosciuto il fondamento.

Manovra dilatoria

Peraltro, che l’azione legale spagnola fosse solo una manovra dilatoria è dimostrato da una circostanza singolare: la scelta effettuata da Vivendi di acquistare in extremis solo l’1% delle azioni di Mediaset Espana e di averlo fatto con intenti pretestuosi solo “dopo” l’annuncio del progetto di fusione che ha poi sùbito contestato. A quale scopo entrare in un’azienda se non si è d’accordo con le sue strategie?

Gesto irrazionale

Un gesto irrazionale che fa il paio, in Italia, con la rinuncia del gruppo francese a esercitare il diritto di recesso in ragione del proprio disaccordo sulla costituzione di MFE-MediaForEurope. Anche il Tribunale di Milano ha segnalato che il gruppo francese era nelle condizioni di esercitare il recesso, tutela a cui Vivendi ha invece deciso di rinunciare con l’obiettivo di intralciare i destini futuri di Mediaset cercando di trarre benefici dai danni provocati.

Il disegno non andrà a buon fine

Ma il disegno non andrà a buon fine: poiché la necessità di un’unione televisiva europea è resa ancora più urgente dalla crisi di mercato generata dal Covid, Mediaset proseguirà nel progetto di sviluppo internazionale che verrà presto ripresentato seguendo una nuova strada. Con un assetto che garantisca sempre gli indispensabili vantaggi industriali e assicuri una governance solida e definita. In modo da evitare tranelli e capricci di chi è interessato solo a manovre finanziarie strumentali”, conclude la nota di Mediaset. (E.G. per NL)

printfriendly pdf button - Tv. Stop MediaForEurope. Tribunale di Madrid dà ragione a Vivendi. Mediaset: grave danno a sviluppo sistema tv europeo. Ma ripartiremo su altre basi