Una Internet radio che funziona bene

Noxon si basa sulla directory di stazioni del servizio vTuner e funziona ottimamente anche come player dei contenuti della libreria iTunes


da Radio Passioni

Non posso nasconderlo. Dopo aver vissuto nell’intima convinzione che le cosiddette Wi-Fi radio, gli apparecchi in grado di accedere agli stream radiofonici via Internet senza alcuna mediazione (se non una connessione a larga banda ridistribuita in Wi-Fi), fossero dei gadget ancora immaturi e sostanzialmente inutili, mi sto ricredendo in queste ore con una prova di Noxon iRadio, uno dei due modelli di Internet radio e media player proposti da TerraTec.
Il mio iniziale scetticismo nasce dalla cattiva esperienza che ho avuto in passato con un’altra Internet radio, la Acoustic Energy, che avevo chiesto in prova per una eventuale pubblicazione in Provati per voi, la rubrica di CorrierEconomia dedicata ai test di prodotti elettronici. Beh, quel test non era andato molto bene, forse per colpa della connettività utilizzata (Fastweb) o per la mia stazione base (Apple Airport). Ci avevo provato in tutti i modi, cercando di riprogrammare il firewall di Airport, aprendo porte UDP, contattando il call center Fastweb. Alla fine ho dovuto rinunciare e ne avevo ricavato una cattiva impressione. Sul piano teorico, una Internet radio ha molti aspetti positivi. Ma forse su quello pratico la tecnologia richiedeva ulteriori messe a punto, soprattutto sul difficile terreno delle interfacce utente.
L’altra sera mi contatta Francesco Delucia, organizzatore di RadioCamp per chiedermi a bruciapelo se conoscevo una Internet radio equipaggiata con una memoria interna in grado di scaricare direttamente i podcast. Gli ho risposto che Noxon2 di TerraTec sembrava avere una caratteristica del genere ma che non ero in grado di confermargli che potesse riprodurre i podcast senza l’aiuto del computer (non saprei ancora dirlo). Francesco replica dicendomi di aver letto di un nuovo dispositivo, il MusicPal di Freecom, che include un RSS reader capace di visualizzare le notizie e secondo le specifiche supporta la modalità Podcast. A quanto vedo però MusicPal non dispone di risorse di memoria su disco o flash e sono portato a credere che l’ascolto dei podcast richieda che questi siano stati precedentemente salvati sul disco del computer. Cosa tutto sommato accettabile. La peculiarità dell’ultima generazione di Internet radio, infatti, è la funzione che consente di accedere anche ai contenuti statici già memorizzati sul proprio pc. La cosa avviene in genere attraverso un meccanismo chiamato UPnP, Universal Plug and Play, un protocollo aperto che trasforma il pc in un “mediaserver” per diffondere in rete (via cavo o Wi-Fi) tutti i contenuti multimediali salvati.
Torniamo alla nostra Noxon iRadio. Incuriosito dalle informazioni scambiate con Francesco ho chiesto un esemplare della Internet radio TerraTec (non il secondo ma il primo modello, che costa circa 230 euro ed è in vendita anche su Apple Store). L’ho portata a casa, l’ho risettata per poterla reimpostare con la mia rete Wi-Fi e nel giro di due secondi ero sintonizzato sulle Far Oer. Noxon si basa sulla directory di stazioni del servizio vTuner. Altre Internet radio, come la Acoustic Energy, sfruttano un analogo servizio della Reciva. Non posso dire niente degli apparecchi basati su Reciva, se non che le Internet radio hanno tutte lo stesso aspetto esterno e supportano anche il formato Real, un sicuro vantaggio. Ma la Noxon iRadio funziona molto bene, pur essendo limitata a flussi radiofonici mp3 e WMA. Chi acquista un dispositivo TerraTec ha la possiblità di registrarsi sul sito vTuner e gestire una lista personalizzata di stazioni, eventualmente aggiungendo i flussi non ancora inseriti nel database generale. Non ho potuto provare questo servizio perché un collega che ha effettuato la prova prima di me si era registrato col proprio nome e password (vTuner associa queste informazioni all’indirizzo MAC del dispositivo e non sono riuscito a modificare niente).
Noxon funziona ottimamente anche come player dei contenuti della mia libreria iTunes. Ho semplicemente dovuto installare il media server UPnP della Elgato che TerraTec acclude in un CD nella confezione. Anche qui mi sono bastati pochi secondi per installare il software (EyeConnect). L’estensione di sistema ha riconosciuto le fonti multimediali presenti sul mio computer e ha anche individuato la Noxon sulla rete locale. Quest’ultima ha aggiunto automaticamente una voce di menu riguardante il mio computer e sta già funzionando per riprodurre l’audio delle tracce iTunes che ho conservato. Unico neo, non piccolo, è la non compatibilità con il codec AAC+ di Apple, ma tutto questo fa parte della complessa problematica delle politiche di DRM (gestione dei diritti) di Cupertino, politica che suscita parecchie controversie. Altro difetto della Noxon è il volume: l’apparecchio è dotato di un bell’altoparlante, ma il volume è troppo basso per i miei gusti e l’uscita in cuffia non basta. Probabilmente dovrei collegare l’uscita line out allo stereo di casa per ottenere un suono più corposo. Per il resto l’audio è molto piacevole, l’interfaccia dei comandi piuttosto intuitiva. Peccato per il pulsante-joypad che dovrebbe agire da selettore: la sua meccanica è un disastro e costringe a servirsi del telecomando. Ma per il resto funziona tutto straordinariamente bene. La radio è dotata di porta Ethernet per reti cablate, uscita line, prese per cuffia e altoparlante, cinque pulsanti per altrettante stazioni preferite e controlli per la riproduzione dell’audio, oltre che del già citato joypad per la navigazione nei menu.
TerraTec mi ha riconciliato col concetto di Internet radio. Fatta così funziona e costa una somma accettabile. E’ molto divertente scorrere nella directory di stazioni scegliendo tra migliaia di radio in base all’area geografica o al genere di programmi trasmessi. Non tutti gli stream memorizzati sono effettivamente attivi, ma non si può prendere troppo. Mi sono bastati pochi minuti di Google per stilare una lista di una decina di Internet radio, quasi tutte disponibili in Italia (ottimo lo shop online di Expansys, per esempio).

Acoustic Energy (in Giappone, Scitec IT-001W)/Reciva
ComOne Phoenix WI-Fi Radio (also know as Orange Liveradio)
Freecom MusicPal
MagicBox Imp Adapt/Reciva
Roku SoundBridge Radio (con FM)
Sagem MyDual Radio 700 (con FM)
Tangent Audio Quattro
Terratec Noxon iRadio e Noxon2
Tivoli NetWorks (con FM) e NetWorksGO (portatile, con FM)
Torian Infusion (portatile, con FM)

Un lato particolarmente interessante è la presenza di diversi modelli che alle funzioni di Internet radio associano la ricezione di normali stazioni FM, magari con RDS. Non ci vorrà molto tempo prima che, con qualche decina di dollari di componenti in più, i costruttori comincino a integrare anche funzionalità DAB/DMB e magari connettività WiMAX. Una radio davvero universale, capace di sintonizzarsi indifferentemente su trasmissioni analogiche e digitali hertziane o su flussi IP è un sogno impossibile? O magari inutile? Secondo i fautori dell’SDR non è affatto una impossibilità, anche se bisognerà fare parecchia strada con processori e software embedded. Immagino però la vostra obiezione: un apparecchio universale e programmabile ci sarebbe già: il personal computer. O addirittura il telefonino. Ma qui entra in gioco l’ergonomia e l’abitudine, per milioni, addirittura miliardi di persone, di avere a che fare con quei pochi comandi di sintonia e regolazione della radio. Da questo punto di vista l’esperienza con il dispositivo TerraTec mi sembra soddisfacente e credo che questo mercato possa riservarci delle sorprese nel prossimo futuro.

printfriendly pdf button - Una Internet radio che funziona bene
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Una Internet radio che funziona bene

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL