Web. Big Data: quali novità con le nuove norme europee? A guadagnarci potrebbero essere ancora Facebook e Google

BigData 1 - Web. Big Data: quali novità con le nuove norme europee? A guadagnarci potrebbero essere ancora Facebook e Google

Il caotico mercato digitale di oggi non facilita la trasparenza nell’analisi dei dati determinando l’oligopolio dei Facebook e Google.
Non è una novità che i due giganti del web vengano in possesso quotidianamente di miliardi di informazione, utili non solo a sviluppare i propri contenuti e a prevedere le esigenze del mercato, ma anche ad incrementare in maniera consistente la raccolta pubblicitaria. La direttiva dell’Unione Europea sull’e-privacy, che dovrebbe diventare esecutiva con il nuovo General Data Protection Regulation dal 25/05/2018 abrogando la vecchia direttiva sulla privacy 2002/58, potrebbe agevolare ancora di più i big californiani a discapito dei piccoli editori. Anche i metadati godranno dello stesso livello di protezione dei dati personali e dovranno essere cancellati quando non più necessari allo scopo per cui sono stati raccolti. Secondo uno studio finanziato dal Parlamento Europeo, il 92% dei cittadini comunitari vogliono che le e-mail e i messaggi online scambiati siano confidenziali e senza accesso di terzi. Alcuni gruppi di EACA e IAB hanno mostrato disappunto per i nuovi provvedimenti di Bruxelles, temendo sensibili perdite per i modelli di business delle piccole società. BigData 300x163 - Web. Big Data: quali novità con le nuove norme europee? A guadagnarci potrebbero essere ancora Facebook e GoogleServono metriche nuove e più omogenee perché è duplice l’obiettivo: occorre sia riunire in unico scatto i mercati dei vari media sia poter comparare mercati nazionali e internazionali. Un’ipotesi sarebbe, per esempio, iniziare a disporre di una legislazione uniforme a livello europeo” ha spiegato a ItaliaOggi l’ad di Sensemakers-Comscore Italia Fabrizio Angelini, il quale ha sottolineato anche la posizione di vantaggio nel mondo dell’advertising online dei vari Whatsapp, Facebook e YouTube. Il prossimo appuntamento importante in merito alla questione è il meeting di Milano del 27 giugno, promosso da Upa e da altre associazioni del settore, nel quale verrà presentato il Libro Bianco sul Programmatic advertising fortemente voluto dal presidente Upa Lorenzo Sassoli de Bianchi. (M.R. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Web. Big Data: quali novità con le nuove norme europee? A guadagnarci potrebbero essere ancora Facebook e Google

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL