Web vs Tv. Facebook entra in competizione con la tv diventando content provider. Intanto Champions League sbarca su social

Secondo quanto riportato dal “Wall Street Journal” Facebook sarebbe in procinto di stringere accordi con alcuni studios di Hollywood per la produzione di programmi originali.
Il budget è di circa 3 milioni di dollari ad episodio, un contenuto video di non più di dieci minuti destinato ad un target tra i 13 e i 34 anni. Nessuna conferma, invece, alle indiscrezioni circolate qualche giorno fa (riferite da “The Hollywood Reporter”) sulla presunta intenzione di Zuckerberg di riproporre la sitcom Loosely Exactly Nicole sul social network, progetto praticabile anche grazie al supporto tecnico di Mina Lefevre, attuale Head of Development di Menlo Park ed ex manager di Mtv. Intanto Facebook, dopo aver raggiunto il record di 2 miliardi di utenti attivi al mese nel mondo (30 milioni solo in Italia), ha siglato un accordo negli Usa con Fox Sport per la trasmissione nella prossima stagione calcistica di 20 partite di Champions League (2 match di ciascuna giornata della fase a gironi più 8 partite tra ottavi e quarti di finale).Zuckerberg 300x169 - Web vs Tv. Facebook entra in competizione con la tv diventando content provider. Intanto Champions League sbarca su socialFacebook ha una delle maggiori audience di tifosi di calcio nel mondo e questo permetterà di far vedere la Champions League anche ai tifosi che non sono sintonizzati sulla partita in tv” – ha chiarito David Nathanson, Head of business operations di Fox Sports. (M.R. per NL)

printfriendly pdf button - Web vs Tv. Facebook entra in competizione con la tv diventando content provider. Intanto Champions League sbarca su social