Comunicazioni radiotelevisive – La corretta applicazione dei principi di obiettività, completezza, lealtà e imparzialità dell’informazione nell’ambito del sistema radiotelevisivo

di Michele Iaselli, Avvocato, Funz. Ministero della Difesa – da Quotidiano Giuridico N 21/07/anno 2006


Il TAR Lazio sostiene che l’art. 1 comma 6 lett. c) n. 10) della L. 249/97 assegna all’AGCOM un compito ulteriore rispetto a quello comune, che le consente di svolgere accertamenti sulla violazione degli indirizzi formulati alla Commissione Parlamentare di vigilanza, estendendo quindi il suo campo di azione anche a quei comportamenti che altrimenti non potrebbero rientrare nelle sue comuni competenze, essendo il controllo dell’AGCOM di sola legalità, e consentendo quindi – in pratica – di superare anche l’ostacolo della giustiziabilità dei comportamenti assunti in violazione delle direttive parlamentari. Nello stesso provvedimento però l’organo giudicante afferma che l’AGCOM nell’emanare un provvedimento di propria competenza è tenuta a svolgere una corretta ed approfondita istruttoria, corredando lo stesso provvedimento di un’adeguata motivazione. (NL)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Comunicazioni radiotelevisive - La corretta applicazione dei principi di obiettività, completezza, lealtà e imparzialità dell'informazione nell'ambito del sistema radiotelevisivo

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL