Contro illegalità nel settore apparecchi da divertimento: firmata convenzione tra Aams e Siae

Per realizzare una sempre più forte attività di contrasto all’illegalità nei giochi, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) e la SIAE hanno firmato un accordo allo scopo di rendere ancora più efficace la lotta all’utilizzo illegale degli apparecchi da divertimento e intrattenimento.

In base all’accordo, di durata triennale, la SIAE, con la sua capillare organizzazione, collaborerà per il reperimento e l’acquisizione di tutti gli elementi utili al censimento e al controllo di tutti gli apparecchi da divertimento nei pubblici esercizi, ovunque installati sull’intero territorio nazionale, per verificare il compiuto rispetto di tutti gli obblighi, il cui assolvimento è condizione indispensabile per l’utilizzazione lecita degli apparecchi da gioco. La SIAE si è impegnata ad effettuare ogni anno 20.000 controlli in bar, pub, ristoranti, stabilimenti balneari, alberghi etc. etc. e a trasmettere per via telematica all’AAMS tutte le informazioni e i dati acquisiti. Molte le annotazioni che dovranno essere riportate dagli ispettori SIAE negli “atti di segnalazione”: dal codice identificativo AAMS rilevato in ogni apparecchio da gioco, alla presenza della copia conforme del Nulla Osta di distribuzione e la sua apposizione sull’apparecchio, alla presenza dell’originale del Nulla Osta di messa in esercizio e la sua apposizione sull’apparecchio ecc.“Siamo particolarmente soddisfatti di questa convenzione – ha affermato il Direttore Generale Raffaele Ferrara – dalla quale deriverà un importante contributo nel contrasto all’illegalità, in un settore economicamente rilevante che oggi conta circa 340mila apparecchi, una raccolta di gioco annuo pari a circa 26 miliardi di euro (a cui corrispondono oltre 3 miliardi di gettito erariale) e un numero di operatori legali sul territorio che supera le 100mila unità”. “Questo accordo – ha detto il Presidente della SIAE Giorgio Assumma – conferma ancora una volta l’importanza del lavoro che la SIAE svolge, quotidianamente, per il contrasto ai fenomeni di illegalità e di evasione fiscale nel settore dello spettacolo e dell’intrattenimento. Un lavoro importante per la SIAE che si affianca a quello della tutela delle milioni di opere affidatele dagli oltre 90.000 autori ed editori”. (SIAE)
printfriendly pdf button - Contro illegalità nel settore apparecchi da divertimento: firmata convenzione tra Aams e Siae