Dati TER: si sente il ritorno dell’autoradio. Ma non quello dell’autocritica

TER 2021, dati TER

Che i dati TER sull’ascolto radiofonico siano relativi lo dimostrano i commenti dei vincitori nelle indagini. Cioè tutti.
Già, perché, nel tempo, le forme di comunicazione in occasione della pubblicazione dei dati TER si sono evolute sino a diventare sfacciate.
Col risultato che, attraverso i vari metri di confronto disponibili, è estremamente difficile non trovare qualche elemento positivo da enfatizzare. Così, tra il dato del giorno medio, quello dei sette giorni e del quarto d’ora, oppure attraverso confronti emogenei (semestre di un anno vs medesimo semestre dell’anno precedente) e disomogenei (confronto del semestre su quello immediatamente precedente), tutti vincono, in qualche modo.
Ed è difficile (per i non esperti) distinguere la realtà dalla teoria del bicchiere.

La singolarità 2020

D’altra parte, la singolarità del 2020 lascia spazio a diverse interpretazioni del trend 2021. Cosicché non ce la sentiamo di andare contro a chi ha ritenuto di confrontare il 2° semestre 2021 col primo semestre dello stesso anno, in luogo del 2° del 2020 (come abbiamo invece fatto noi), quando l’ascolto in autoradio era ancora latente.

Manca l’autoradio? Più che altro manca l’autocritica

Ciò non toglie che una sana autocritica sullo stato dell’ascolto radiofonico (al di là della piena attendibilità del dato TER, oggetto di ampia discussione sulle pagine di NL) farebbe bene non tanto ai singoli, che in animo loro sanno come stanno veramente le cose, ma all’intero comparto.

Comunicazione da parte del mezzo di comunicazione

Il quale, l’abbiamo scritto più volte, necessita – prima di tutto – di una comunicazione più coordinata ed aderente alla trasformazione che il medium sta vivendo (e vivrà sempre di più nei prossimi anni, anzi mesi).

Il mantra

Perché – diciamocelo chiaramente – che l’ascolto radiofonico sia tutto rose e fiori non ci crede veramente più nessuno. E la percezione che il mantra radiofonico sia ormai un “Tutto va bene, madama la marchesa“, è forte.
Peccato, perché la validità del mezzo radiofonico in sé non è in discussione.

 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Dati TER: si sente il ritorno dell'autoradio. Ma non quello dell'autocritica

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL