Digitale terrestre, Lombardia: bando sostegno innovazione tecnologica per impianti tv locali. Osservazioni CRTL

Il Comitato Radio Tv Locali ci ha fatto pervenire copia delle osservazioni rese alla Regione Lombardia a riguardo dell’oggetto. 

"Anzitutto preme sottolineare che il D. Lgs. 44/2010 (c.d. Decreto Romani), di recepimento della direttiva europea 2007/65/CE, introduce delle precise definizioni dei player nel mercato delle trasmissioni in tecnica DVB-T., quali operatori di rete locali o fornitori di servizi di media", spiega il CRTL nelle proprie osservazioni. "Pertanto corre l’obbligo che siano individuati esattamente i destinatari del Bando in epigrafe richiamato sulla base delle definizioni della citata norma. Ad avviso di questo ente, nell’ottica di un intervento volto a favorire l’affermazione dell’innovazione tecnologica derivante dalla nuova trasmissione televisiva in tecnica digitale, dovrebbero essere ammessi al Bando gli operatori di rete locali in possesso di autorizzazione alla trasmissione in tecnologia DVB-T che abbiano almeno un impianto trasmissivo attivo nella regione Lombardia. Tali operatori di rete locali, come noto, corrispondono sostanzialmente alle emittenti televisive locali in tecnica analogica". Per il Comitato, "Il contributo previsto dal Bando dovrà essere destinato all’acquisto di ogni apparecchiatura necessaria alla codificazione ed alla distribuzione del segnale televisivo digitale via etere, interessando quindi l’intera catena trasmissiva: dalla sede di emissione all’antenna ricevente dell’utente (impianti di diffusione e collegamento, antenne trasmittenti e riceventi, multiplexer, codificatori e decodificatori). La ripartizione delle misure di sostegno, dovrà essere effettuata su base oggettiva in base ad un programma di investimento effettivamente realizzato a partire dall’01/01/2010, evitando di assumere a riferimento le graduatorie Corecom ex L. 448/1998, all’evidenza inadatte allo scopo, in quanto finalizzate e premiare soprattutto la dimensione aziendale e la consistenza dei comparti informativi delle emittenti esistenti". "Nel caso che qui c’impegna, invece, dovranno essere assunti a riferimento esclusivamente le strutture tecniche delle imprese, dovendone essere supportata l’innovazione alla tecnica numerica e non già lo sviluppo editoriale", conclude la memoria del Comitato Radio Tv Locali.

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Digitale terrestre, Lombardia: bando sostegno innovazione tecnologica per impianti tv locali. Osservazioni CRTL

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL