Home Giurisprudenza e Normativa DTT. Audizioni Agcom nuovo PNAF. Confindustria: indispensabile metodologia gestione conflitti LCN al...

DTT. Audizioni Agcom nuovo PNAF. Confindustria: indispensabile metodologia gestione conflitti LCN al confine di Aree tecniche dove stesso numero e’ utilizzato da marchi differenti

traliccio, aree

Riflettori puntati sui conflitti tra i medesimi LCN nei territori di confine tra diverse Aree Tecniche nell’ambito del procedimento di revisione del Piano Nazionale di Assegnazione delle Frequenze avanti all’Agcom.
“In via preliminare desidero esprimere la mia soddisfazione per il lavoro svolto dall’Autorità.
Occorre infatti dare atto all’Agcom che il documento posto in consultazione, pur nelle more del superamento della riserva del terzo delle frequenze per le TV Locali, ha tenuto conto delle esigenze e delle problematiche radioelettriche della realtà televisiva locale. Ciò in quanto prevede di destinare al trasporto delle Tv Locali, come richiesto dall’Associazione TV Locali, l’utilizzo di due multiplex per la realizzazione di un multiplex nazionale decomponibile per aree tecniche, con l’assegnazione di frequenze differenti e alternate in aree radio elettricamente adiacenti, ed un multiplex di secondo livello”
 .
Così Maurizio Giunco, presidente dell’Associazione Tv Locali di Confindustria Radio Televisioni intervenuto in audizione presso l’Agcom del procedimento per l’aggiornamento del piano nazionale di assegnazione delle frequenze da destinare al servizio televisivo digitale terrestre (PNAF).

FSMA LCN musicale nazionale arco 200 banner 900x420 897x419 - DTT. Audizioni Agcom nuovo PNAF. Confindustria: indispensabile metodologia gestione conflitti LCN al confine di Aree tecniche dove stesso numero e' utilizzato da marchi differenti

Giunco ritenendo che il percorso intrapreso dall’Autorità sia quello giusto, si è poi detto convinto che “vi siano ancora ulteriori possibilità di miglioramento del lavoro di pianificazione fin qui svolto” e le ha illustrate in audizione. Inoltre, il Presidente de’Associazione Tv Locali di Confindustria si è detto dell’avviso che, con la revisione del PNAF, sia indispensabile “introdurre una metodologia dei conflitti LCN regolamentata con particolare riferimento alle aree territoriali di confine tra Aree tecniche dove lo stesso LCN è utilizzato da marchi differenti”.
L’Associazione TV Locali e Confindustria Radio Televisioni ritengono infatti che “i conflitti in materia di LCN debbano essere risolti a livello di ricevitori e debbano essere gestiti direttamente dall’utente garantendogli, in caso di conflitti tra medesimi LCN, la possibilità di scegliere su quale marchio sintonizzarsi”. (E.G. per NL)

foto antenne di Floriano Fornasiero