Editoria, Francia. Le Monde rischia l’amministrazione controllata e allora cerca investitori

La voce storica della gauche francese è a rischio estinzione. E non è la prima volta, dato il particolare regime amministrativo, che vede i giornalisti della redazione da sempre co-proprietari ed azionisti dell’azienda.

Il quotidiano parigino, fondato nel dicembre del 1944, è da anni preda di lotte intestine tra i sostenitori della necessità di ricorrere ad un nuovo regime amministrativo e chi, invece, non intende rinunciare alla libertà che consente loro d’essere sostanzialmente artefici del proprio destino. Il pomo della discordia è l’enorme debito accumulato dalla società che edita il giornale, che ammonterebbe a circa 100 milioni di euro. Come se non bastasse, entro la fine del prossimo anno si dovrà provvedere al pagamento di un debito protratto con la banca Bnp-Paribas pari a 25 milioni di euro; ed entro il 2014 si dovranno restituire ben 67 milioni in Ora, obbligazioni rimborsabili in azioni. Il gruppo, ad oggi, è controllato al 60% dalla holding Le Monde partner ed associati, di cui fanno pare anche i giornalisti, riuniti nella Società dei redattori e controllati dalla Società di sorveglianza. Il restante 40% delle azioni è così distribuito: 17,2% al Gruppo Lagardere; 15% alla spagnola Prisa che controlla El Paìs; il 3% a La Stampa e l’1,8% al Nouvel Observateur. Data l’enorme difficoltà economica, venerdì scorso il Consiglio di Sorveglianza si è riunito per discutere una ricapitalizzazione, necessaria per sopravvivere, ma che minerebbe l’indipendenza del quotidiano, portando ad una "diluizione degli azionisti storici", tra cui i giornalisti della redazione. Si tratterebbe di una "svolta epocale", come la definisce oggi la stampa francese. E intanto è già partito il toto-nomi: si parla di un impegno più consistente da parte di Prisa, da poco passata nelle mani di un fondo pensioni statunitense, ed anche del gruppo L’Espresso. La ricapitalizzazione, che dovrebbe avvenire, a meno di colpi di scena, entro giugno, è stata da più parti definita "inevitabile". (L.B. Per NL)
 

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Editoria, Francia. Le Monde rischia l'amministrazione controllata e allora cerca investitori

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL