Editoria. Truffa inesistente: ottennero fondi, assolti gli ex vertici dello Snals per l’utilizzo di 150mila euro di contributi.

Assolti, perché il fatto non sussiste, gli ex vertici del sindacato Snals-Confsal accusati di aver ottenuto in modo illecito circa 250mila euro dei contributi per l’editoria.

Il giudice Maurizio Caivano al termine di un procedimento svolto con rito abbreviato, ha assolto i sindacalisti Paolo Nigi e Gino Galati. Nei confronti di un altro imputato, Andrea Blasi, che aveva scelto il procedimento ordinario, è stata emessa sentenza di non luogo a procedere. Per la Procura gli imputati avrebbero intestato "con artifizi e raggiri alla società Editoriale Bm Italiana le utenze telefoniche in utilizzo esclusivo del sindacato, e nell’autocertificare il Blasi che dette utenze erano utilizzate dalla sua società, ottenendo in tal modo il contributo indiretto ammontante a complessivi 248.774,22 euro". L’avvocato Michele Lioi, difensore di Nigi e Galati, ha spiegato che i telefoni oggetto della vicenda erano utilizzati in tutta Italia dai collaboratori della rivista ‘Giornali scuola Snals’, edita dalla Bm. "È stato accertato – spiega – che il sindacato non si era appropriato nemmeno di un euro. Tutti i contributi ricevuti erano assolutamente legittimi". (ANSA)
 
printfriendly pdf button - Editoria. Truffa inesistente: ottennero fondi, assolti gli ex vertici dello Snals per l'utilizzo di 150mila euro di contributi.
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Editoria. Truffa inesistente: ottennero fondi, assolti gli ex vertici dello Snals per l'utilizzo di 150mila euro di contributi.

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL