FRT: le tv locali sono troppe. Occorre favorire emittenti con dignità d’impresa. DTT da vivere come opportunità per razionalizzare mercato

"Le tv locali devono ripensare il modo di fare business, troppe variabili incidono sulla vita delle emittenti e i rischi di uscire dal mercato sono elevati".

E’ questo il pensiero di Filippo Rebecchini, presidente della Federazione Radio Televisioni (FRT), di cui avevamo dato conto già qualche giorno fa su queste pagine. "A gravare sul futuro delle tv locali non c’è solo il passaggio al digitale terrestre – che comporta notevoli sforzi finanziari per gli investimenti in tecnologia e contenuti – ma anche l’ampliamento della concorrenza delle nuove piattaforme, Internet su tutte", ha spiegato Rebecchini in occasione di un intervento in un convegno organizzato dal Corecom Lazio, che ha aggiunto "la torta (investimenti pubblicitari) è sempre la stessa e le porzioni si sono drasticamente ridotte negli ultimi due anni a causa della crisi. In questi casi le soluzioni sono due: a) aumentare la torta; b) razionalizzare il mercato. La prima soluzione dipende da un insieme di fattori macroeconomici globali su cui è difficile intervenire direttamente e subito. La seconda soluzione potrebbe essere quella di una razionalizzazione del sistema: le tv locali sono troppe". Rebecchini ha ricordato che delle circa mille tv locali delle origini si è arrivati, dopo una selezione naturale, alle attuali 600 (comprese le comunitarie) e che per la FRT "il passaggio al digitale terrestre dovrebbe essere vissuto come un’opportunità da cogliere per razionalizzare il mercato attraverso la costituzione di consorzi o mediante la fusione di più soggetti deboli in uno più forte". “Purtroppo questa strada nessuno la vuole percorrere perché ognuno è convinto che la propria azienda sia migliore di quella degli altri”, ha ribadito il presidenta FRT riportando d’attualità un antico problema tipico del settore della radiotelevisione locale. "Peraltro, la razionalizzazione del mercato mediante la riduzione delle troppe tv locali è la posizione della FRT che, da sempre, si batte contro l’eccessiva polverizzazione del sistema a favore delle emittenti con dignità di impresa. Solo queste infatti, producono fatturato e occupazione, e sono in grado di garantire una buona qualità di contenuti, condizione necessaria, oggi più che mai, per competere sul nuovo mercato del digitale", ha spiegato poi la federazione in un proprio comunicato. (A.M. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - FRT: le tv locali sono troppe. Occorre favorire emittenti con dignità d'impresa. DTT da vivere come opportunità per razionalizzare mercato

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL