Giornalisti. Giurisdizioni di merito: pacchetto “pay tv” concesso gratis a dipendente è assoggettato a contributo previdenziale

tv pay per inpgi - Giornalisti. Giurisdizioni di merito: pacchetto "pay tv" concesso gratis a dipendente è assoggettato a contributo previdenziale

La Corte d’Appello di Roma, su rinvio della Corte di Cassazione, ha rigettato l’opposizione ad un decreto ingiuntivo proposta da una società che gestisce canali “pay per view” che aveva previsto, quale forma di aggiornamento professionale per i propri giornalisti dipendenti, la concessione di un abbonamento gratuito ai programmi televisivi dell’emittente tv.
La controversia, risalente al 2007, si era venuta a creare a seguito di una verifica ispettiva che aveva evidenziato circa 15.000 euro di contributi non versati dall’emittente all’ente previdenziale in relazione al valore dei pacchetti degli abbonamenti concessi a titolo gratuito ai propri giornalisti dipendenti.

L’emittente televisiva aveva sostenuto che l’abbonamento riservato ai propri dipendenti costituisse uno strumento attraverso il quale aggiornare il personale giornalistico dipendente e che questo strumento, pertanto, avesse carattere formativo; di conseguenza tale spesa – ad avviso della pay tv – non costituiva una forma di retribuzione, come tale soggetta a contribuzione previdenziale, ma costituiva spesa strumentale, necessaria per la valorizzazione del capitale umano presente in azienda.
Dopo alterni gradi di giudizio, la Cassazione e’ stata di diverso avviso, affermando – in adesione alle risultanze del verbale ispettivo – che non poteva essere ritenuto “formativo”, per i giornalisti dipendenti, l’intero pacchetto abbonamento fornito dall’emittente, vista l’ampiezza ed eterogeneità dei contenuti. A dimostrazione del carattere strumentale della spesa sostenuta, invero, la società avrebbe eventualmente dovuto fornire dei pacchetti “mirati” per ogni suo dipendente, configurati in base all’attività svolta da quest’ultimo.
La Corte d’Appello, in sede di rinvio, ha applicato tali principi e ha conseguentemente dato ragione all’INPGI, confermando che la contribuzione e’ dovuta anche sui pacchetti di abbonamento “pay per view” concessi gratuitamente ai propri dipendenti. (E.G. per NL)

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie, sulle finalità e sulle modalità di disattivazione degli stessi clicca qui. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang
  • PHPSESSID

Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Send Mail 2a1 - Giornalisti. Giurisdizioni di merito: pacchetto "pay tv" concesso gratis a dipendente è assoggettato a contributo previdenziale

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL