Libere professioni. Il bilancio di Giuseppe Bernoni: “Una vita per la professione. Cinquant’anni di ricordi e incontri di un commercialista milanese”

A cinquant’anni dalla fondazione del suo studio associato nel cuore di Milano, in piazza Meda, a un passo dal Duomo e dalla Scala, Giuseppe Bernoni, classe 1936, noto avvocato e dottore commercialista, presidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti negli anni ’90, in questa biografia intreccia la sua storia personale e professionale con quella di una grande città come Milano aperta al talento, alla voglia di fare, alla capacità imprenditoriale.

Ed è così che "Una vita per la professione. Cinquant’anni di ricordi e incontri di un commercialista milanese£, (pagg. 200, euro 22,00, a cura di Gianni Fossati e Isidoro Trovato) che Mursia porta in libreria in questi giorni, diventa un bilancio dove Bernoni ai numeri sostituisce, per una volta, i ricordi fuori e dentro lo studio dove sono passati i protagonisti della storia di Milano e dell’intero Paese: da Giorgio Ambrosoli ad Alberto Falck, da Roberto Mazzotta a Oliviero Nespoli, da Ulrico Hoepli a Sergio Giunti, da Mariapia Garavaglia agli arcivescovi di Milano Carlo Maria Martini e Dionigi Tettamanzi. La storia di Bernoni che oggi dirige una realtà che coinvolge un centinaio di persone ed è inserita in un network internazionale, è la storia di un ragazzo nato in una famiglia di modeste condizioni che attraversa, incarnando al meglio quello stile meneghino fatto di competenza, eccellenza, buonsenso e grande capacità di innovare, il dopoguerra, dove tutto era possibile ma niente era facile, gli anni Sessanta dell’autunno caldo, gli anni di piombo, il decennio degli yuppies e della città da bere, Tangentopoli, la Seconda Repubblica. Lavorando di giorno e studiando di notte per laurearsi all’Università Cattolica, nel 1961 fonda il primo studio associato di Milano, all’avanguardia rispetto ai tempi, tanto che la sua collega è una donna. Le sue idee per rinnovare la figura e il ruolo del commercialista gli valgono una carriera rapida all’interno dell’Ordine provinciale prima e poi nazionale, quindi della Fédération des Experts Comptables Européens di Bruxelles. «Ci sono poche cose capaci di coinvolgere e al tempo stesso travolgere un uomo come l’esercizio di una libera professione», scrive nella prefazione Claudio Siciliotti, attuale presidente del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti: «quella di Bernoni  è una testimonianza perfetta di quanto passione e quanto entusiasmo possano accompagnarsi all’esercizio della nostra professione. Una testimonianza che potrà essere utile e interessante si per coloro che vogliono capire dall’esterno quali siano le molle emozionali che trasformano un lavoro in passione, sia per coloro che vogliono recuperare dall’interno la capacità di vivere il proprio lavoro con passione». Edito da Mursia (www.mursia.com), il testo è in vendita ad euro 22. (M.L. per NL)
printfriendly pdf button - Libere professioni. Il bilancio di Giuseppe Bernoni: "Una vita per la professione. Cinquant'anni di ricordi e incontri di un commercialista milanese"
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on telegram
Send Mail 2a1 - Libere professioni. Il bilancio di Giuseppe Bernoni: "Una vita per la professione. Cinquant'anni di ricordi e incontri di un commercialista milanese"

Non perdere le novità: iscriviti ai canali social di NL su Facebook e Telegram. News in tempo reale

Ricevi gratis la newsletter di NL