Home Editoriali L’innovazione ed il futuro si cavalcano, non si contrastano

L’innovazione ed il futuro si cavalcano, non si contrastano

futuro

Andare contro il progresso per difendere (inesistenti) rendite di posizione può costare caro.

Lungimiranza, dove stai di casa?

Un gruppo di tv locali è stato condannato dal Tribunale di Siena a pagare oltre 76.000 euro al Comune (di Siena) a seguito della soccombenza nel giudizio civile promosso contro l’iniziativa (del 1999) di cablare la città per rimuovere antiestetiche antenne dai tetti.

Segui il cavo….

Eppure, l’accesso al cavo era libero per emittenti e cittadini, tanto che, oltre ad aver ricevuto il Comune il plauso degli organismi UE, RAI, Mediaset ed altre tv locali erano a favore dell’iniziativa.
Il caso giudiziario, al quale abbiamo dedicato il risalto che merita è indiziario dell’atteggiamento di taluni operatori in violazione della nota raccomandazione che dovrebbe guidare ogni imprenditore dotato di adeguata lungimiranza: le innovazioni efficaci non si combattono; si cavalcano.

Il futuro non si fa fottere. Casomai, fotte te!

O, per dirla con Dan Fusco, il datore di lavoro di Tony Manero ne La Febbre del sabato sera: “Il futuro non si fa fottere, il futuro casomai fotte te! Quello c’è sempre e se non sei preparato, ti fotte!”

 

printfriendly pdf button - L’innovazione ed il futuro si cavalcano, non si contrastano