NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015

newsletter newsline logo1 3 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015 newsletter title11 3 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015 newsletter topright3 3 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
Se la crescita a gennaio era stata timida (+0,4%, ma su un 2014 che nel primo mese dell’anno era salito rispetto al 2013), a febbraio il dato è molto più incoraggiante: quasi il 10% in più dello scorso anno.
elite banner 9b 2 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
xchange banner nl7 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
banner Elite4 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
 
Con sentenza in data 20/03/2015 (n. 1519) la Sez. 3 del Consiglio di Stato ha fissato un importante precedente a riguardo dei limiti nell’esercizio del potere/dovere di controllo e di vigilanza sanitaria e ambientale ex art. 14, comma 1, della l. 36/2001 ed ex art. 54, comma 4, del T.U.E.L. nell’ambito dell’adeguamento degli impianti ai limiti di emissione dei campi elettromagnetici.
 
Mentre la televisione e soprattutto la radio (febbraio +10%) hanno da mesi cambiato rotta, tornando a crescere, l’andamento della spesa pubblicitaria sulla stampa nei primi due mesi dell’anno continua ad essere negativo.
La DGPGSR/IV del Ministero dello Sviluppo Economico ha incaricato vari Ispettorati di esperire tre campagne di misure, in data 13-17 aprile, 11-15 maggio e 8-12 giugno 2015, finalizzate a rilevare le emissioni di stazioni estere della Slovenia e Croazia.
E’ operativa da oggi la Sezione Speciale “Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l’informazione e l’editoria” del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

banner SIT b9 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
banner Elite4 0 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
banner Radio Mondo9 1 - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
Ogni giovedì mattina in Piazza della Torretta uno sportello darà consulenza gratuita agli iscritti. Patrocinio alle tariffe professionali minime.
  newsletter bottomright - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015
Il 2014 si era chiuso con un +12% sull’anno precedente e il solo brand Mtv aveva messo in tasca, secondo le stime Nielsen, 55 mln di euro di advertising: nei primi tre mesi dell’anno la raccolta sta registrando risultati positivi a due cifre.
La Corte Costituzionale, con sentenza n. 47/20015 del 10/02/2015 si è pronunciata nel giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 14 della legge della Regione Piemonte 03/08/2004, n. 19 (Nuova disciplina regionale sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici), promosso dal Tribunale ordinario di Torino nel procedimento vertente tra la Elettronica industriale spa e il Comune di Torino ed altra, con ordinanza del 14/12/2012.
Quello che sta avvenendo è il più lungo sciopero della storia di Radio France dopo il 2004; mentre si entra nella terza settimana di protesta non si intravede una possibile conclusione positiva del confronto tra governo, emittente e lavoratori.
Erano imputati di favoreggiamento, per non aver rivelato l’identità della “fonte confidenziale” che fornì a entrambi delle notizie, ritenute riservate, sulle indagini in corso per l’omicidio di Carmelo Governale, ambulante di Piazza Armerina, ucciso il 20 ottobre 2007.
Le banche dati sono delle ambite fonti di conoscenze organizzate in modo sistematico, che consentono all’utilizzatore di rapidamente disporre di informazioni operativamente rilevanti.
Tempo scaduto per le società che operano nel settore del mobile payment per adeguarsi alle prescrizioni dettate dal Garante privacy.
Gli utenti non possono ottenere da Google la cancellazione dai risultati di ricerca di una notizia che li riguarda se si tratta di un fatto recente e di rilevante interesse pubblico: il diritto all’oblio, infatti, deve essere bilanciato con il diritto di cronaca.
Il sindacato dei giornalisti del Piemonte "ribadisce la sua piena disponibilità a prendere parte da subito e con proposte concrete a un tavolo di crisi che coinvolga istituzioni e parti sociali" sui periodici locali.
Il 2015 sarà l’anno buono per l’esplosione della TV via internet? In molti se ne dicono convinti, a cominciare da chi costruisce sulla rete la maggior parte del suo business, ovvero i soliti Google, Amazon, Apple & Co.
"Le scrivo in relazione al disegno di legge governativo AC 2798, e, in particolare, ai criteri di delega per il rafforzamento delle garanzie di riservatezza nell’ambito della disciplina delle intercettazioni".
Come dichiarato dal d.g palinsesti Marco Paolini, le tre reti generaliste del Biscione hanno come nemico la Rai, la pay tv Premium combatte con Sky e i canali tematici duellano con il gruppo Discovery: necessaria dunque una strategia compatta e comune.
Facebook sempre piu’ nel mirino in Europa, sospettata di violare la privacy dei suoi utenti. Sono almeno sei – scrive il Wall Street Journal – i Paesi che hanno aperto un’indagine sul colosso dei social media, e che presto potrebbero ordinare un cambio di politiche o anche comminare multe per milioni di euro.
Pubblicata la Delibera n. 83/15/CONS recante l’approvazione delle linee-guida per la commercializzazione dei diritti audiovisivi sportivi riferibili al campionato di pallacanestro di serie A e agli eventi correlati per le stagioni sportive 2015/2016 e 2016/2017, ai sensi dell’articolo 6, comma 6, del decreto legislativo 9 gennaio 2008, n. 9.
La nomina è stata decisa dal CdA della Rai. Il manager che in precedenza guidava l’area pianificazione e controllo di gestione Rai sotto la direzione finanza e pianificazione diretta da Camillo Rossotto, sostituisce Lorenza Lei.
Definiti nei capi precedenti i diritti connessi e la loro tipologia, il Capo VII – bis del Titolo II della legge sul Diritto d’ Autore si dedica a chi viene reputato essere il titolare di un diritto connesso.
AGCM e IVASS scendono in campo con un’azione coordinata contro le vendite forzate di polizze accessorie on line e contro i meccanismi di opt-out, che costringono il consumatore a “deselezionare” con un click le offerte non gradite.
L’assedio alla più famosa piattaforma di contenuti video avviene in un momento piuttosto delicato: BigG, che l’aveva comprata nel 2006 per 1,65 mld di dollari, vive infatti una complessa fase di calo dei profitti.
printfriendly pdf button - NEWSLINET.IT: Newsletter n. 799 del 08/04/2015